Sir Perugia, al PalaBarton c’è Trento. Duello tra le prime due della classe

Alle ore 18 al palasport va in scena la super sfida. Coach Lorenzetti ha tutti i giocatori a disposizione

di ALBERTO AGLIETTI -
25 febbraio 2024
Sir Perugia, al PalaBarton c’è Trento. Duello tra le prime due della classe

Il coach della Sir Perugia, Angelo Lorenzetti

Grande attesa per gli amanti delle schiacciate con la superlega maschile che mette a confronto le due formazioni più vincenti della presente stagione. Oggi alle ore 18 ci sarà il pienone al palasport di Pian di Massiano con la Sir Susa Vim Perugia che cercherà di sfruttare la spinta dei propri tifosi per battere la capolista. I block-devils saranno concentrati su loro stessi e sui miglioramenti che stanno perseguendo ma dovranno trovare anche la strategia migliore per neutralizzare la capolista Itas Trentino. La distanza in classifica è incolmabile e il risultato diventa dunque di secondaria importanza, mentre il focus è posto sulla qualità del gioco prodotto. Ha più volte ribadito che si può fare meglio il tecnico Angelo Lorenzetti, in primis evitando i passaggi a vuoto, e poi crescendo nella correlazione muro-difesa. I bianconeri hanno finalmente tutti a disposizione, anche se la condizione atletica non è al top, di certo uno dei protagonisti sarà l’opposto tunisino Wassim Ben Tara. I settentrionali coordinati dall’allenatore Fabio Soli hanno mostrato di avere una solidità impressionante durante tutto l’arco dell’annata agonistica. Il pezzo pregiato degli ospiti è senza dubbio lo schiacciatore Alessandro Michieletto che è dotato di mezzi fisici, esplosività muscolare e grande tecnica. I numeri di presentazione dicono che si sfideranno la prima e la terza per numero di ace per set (1,86 Perugia, 1,57 Trento), la prima e la terza per perfezione in ricezione (30,8% Trento, 28,1% Perugia), le prime due per efficacia in attacco (53,7% Perugia, 52,6% Trento) e le prime due per muri vincenti per set (2,57 Trento, 2,54 Perugia). Le statistiche però non bastano, oltre a queste si dovranno tenere in debito conto le prestazioni individuali dei fuoriclasse che in ogni momento possono fare la differenza, specie quando un pallone in più o in meno può determinare la vittoria o la sconfitta. Quello che si disputerà è il cinquantaquattresimo scontro diretto, i perugini conducono avendo festeggiato ventinove volte, i trentini hanno esultato in ventiquattro occasioni. Tanti gli ex della partita, Marko Podrascanin e Kamil Rychlicki tra i dolomitici, mentre Davide Candellaro, Massimo Colaci, Simone Giannelli, Sebastian Solé e il tecnico Angelo Lorenzetti, tra gli umbri. Arbitri: Giuseppe Curto (TS) ed Andrea Puecher (PD).

Il probabile sestetto di Perugia: Giannelli ad alzare e Ben Tara opposto, Russo e Resende Gualberto al centro, Leòn e Semeniuk di banda, Colaci libero. Il possibile assetto di Trento: ad alzare Sbertoli in diagonale a Rychicki, in posto-tre Podrascanin e Kozamernik, schiacciatori Michieletto e Lavia, libero Laurenzano.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su