Volley donne, finale scudetto: Scandicci ko al tie-break in gara-2

La Savino Del Bene cede a Conegliano dopo una vera battaglia. Mercoledì si ricomincia dall’1-1

di DOMENICO FRANCO MORABITO -
20 aprile 2024
Una fase di gioco (foto Germogli)

Una fase di gioco (foto Germogli)

Scandicci (Firenze), 20 aprile 2024 – La Savino Del Bene scappa, vince il primo e il terzo set, Conegliano rincorre, conquista gli altri due e pareggia. E si aggiudica anche il tie-break dopo aver rischiato di perderlo. È stata un’altra partita infuocata e bellissima che si è decisa ancora una volta al fotofinish lasciando l’amaro in bocca agli oltre 3.500 spettatori che hanno riempito Palazzo Wanny.

Dopo la vittoria di Scandicci in gara-1 delle finali scudetto giocata a Treviso, nella gara-2 di stasera a Palazzo Wanny le Pantere hanno ribaltato il risultato. E, sull’uno pari, mercoledì prossimo in gara-3 alle 20,30 ancora una volta a Treviso si affideranno al fattore campo per fare un passo importante verso lo scudetto. 

Per Scandicci niente è perso ma l’occasione sfumata questa sera rende ancora più difficile e rischioso il suo viaggio. Le squadre scendono in campo con la stessa formazione iniziale di gara-1 a Treviso. La Savino Del Bene con Ognjenovic in palleggio, Antropova opposto, Nwakalor e Carol al centro, Herbots e Zhu Ting in banda e Parrocchiale libero; Conegliano risponde con Wolosz in regia, Haak opposto, le centrali Lubian e Fahr, Plummer e Robinson in posto quattro e De Gennaro libero. La posta in palio è altissima e la sfida si annuncia infuocata fin dai primi punti messi a segno dalle Pantere che guadagnano un modesto vantaggio ma Scandicci non si fa impressionare, tiene la ruota e sul 13-13 il primo aggancio e il sorpasso.

Avanti ancora punto a punto, con i due sestetti che si alternano al comando fino al 22 pari quando, come avvenuto in gara-1, le biancoblù si alzano sui pedali e con un muro vincente di Carol, un parallelo millimetrico di Antropova vanno al set point e l’errore in battuta di Lubian regala loro l’1-0. Un set, questo, dominato ancora una volta da Antropova che, con 10 punti, 1 ace e 1 muro, doppia la coppia Lubian-Haak, entrambe a quota 5. Ognjenovic è come sempre particolarmente ispirata e varia in continuazione gli schemi, Barbolini, nel frattempo ha fatto entrare anche Di Iulio e Diop. Santarelli è inquieto, l’aver visto sfuggire ancora una volta il successo nel finale del set lo preoccupa anche perché le fiorentine hanno dimostrato sicurezza anche a muro. Al rientro in campo cresce la pressione del Conegliano, la Savino Del Bene commette qualche errore di troppo e, rispetto a prima, è meno incisiva in attacco e le Pantere ne approfittano con una maggiore efficienza in tutti i reparti: 1-1. Si riparte, la partita diventa ancora più accesa e la Savino Del Bene ritrova la spinta con Ognjenovic che incanta con le sue magie mettendo sulle mani di Antropova, Herbots e Zhu Ting palloni che scheggiano. Gli scambi sono sempre più lunghi, Parrocchiale è infaticabile nei recuperi e a muro Carol e Nwakalor hanno innalzato la barriera. Scandicci vola, le pantere non graffiano. Sul 21-15 Antropova mette a segno un diagonale di straordinaria potenza e inizia la volata che si conclude con l’errore al servizio di Haak: 2-1 grazie a una ritrovata positività in ricezione (57% contro 45%) e in attacco (37%-35%).

Le biancoblù non si siedono, il vantaggio dà loro ancora più carica ma Conegliano non è abituato a perdere, non si rassegna e risponde punto a punto; sull’8-9 passa in vantaggio ma non riesce ad andare in fuga. Si gioca da una parte e dall’altra ad altissimo livello, Antropova ha braccio e cervello, prima con un parallelo stupendo e un diagonale che s’infila nel muro, riprende il comando, Zhu Ting e Herbots l’accompagnano a passo spedito verso il traguardo che sul 21-19 s’intravede più vicino. Ora, però, la palla diventa sempre più scottante, 21-21; Zhu Ting chiude a rete: 22-21, Conegliano pareggia e va avanti: 22-23, 23 pari e sul set point Scandicci commette una leggerezza che rimanda al tie break. Che riserva emozioni a raffica con grandi giocate ed errori e si è mantiene in equilibrio fino al 9-9, poi una doppietta di Plummer e un muro di Haak su Antropova regalano il +4 alle Pantere che vanno al match point ancora con Plummer. Zhu Ting riduce con una bordata ma Lubian non sbaglia: 15-11 e 1 partita pari. MVP il libero De Gennaro, della Savino top scorer Antropova con 34 punti. Mercoledì prossimo gara-3 a Treviso

SAVINO DEL BENE SCANDICCI 2 - PROSECCO DOC IMOCO CONEGLIANO 3

SAVINO DEL BENE SCANDICCI: Alberti, Herbots 10, Zhu Ting 12, Ruddins n.e., Di Iulio, Ognjenovic, Parrocchiale (L1), Armini (L2) n.e., Nwakalor 6, Washington 1, Carol 7, Antropova 34, Diop 1, Nowakowska n.e. All.: Barbolini M.

PROSECCO DOC IMOCO CONEGLIANO: Plummer 17, Robinson Cook 10, Squarcini n.e., De Kruijf 3, Gennari 2, Lubian 11, De Gennaro (L1), Haak 27, Bugg, Wolosz 2, Lanier 2, Fahr 9, Bardaro, Piani n.e. All.: Santarelli D.

Arbitri: Simbari - Piana

Parziali: 25-23, 21-25, 25-19, 23-25, 11-15

Continua a leggere tutte le notizie di sport su