VOLLEY, IL BILANCIO FIPAV. Manfredi è sicuro:: "Ai Giochi ci saremo per puntare in alto»

Il 2023 è stato un buon anno per il volley italiano, con 8 medaglie vinte dalle nazionali seniores e giovanili, tesserati in aumento e investimenti in sponsorizzazioni. La qualificazione alle Olimpiadi manca, ma il presidente della Fipav è sicuro: "Ci andremo, con ambizioni".

22 dicembre 2023
Manfredi è sicuro:: "Ai Giochi ci saremo per puntare in alto"
Manfredi è sicuro:: "Ai Giochi ci saremo per puntare in alto"

È stato un buon 2023 per il volley italiano. Sarebbe stato migliore con la qualificazione alle Olimpiadi già in tasca, ma al momento di stilare il bilancio il presidente della Fipav Giuseppe Manfredi (nella foto) è sicuro: "Ci andremo, non ho dubbi, e lo faremo con ambizioni. Abbiamo due squadre che possono puntare in alto – ha detto il presidente –. Nel femminile con Velasco inizia un nuovo corso, lo abbiamo scelto non solo per la sua caratura tecnica, ma anche per il carisma che permetterà di dare un nuovo impulso". Manfredi ha anche confermato l’esistenza di una clausola che permetteva a Velasco di liberarsi dal contratto con Busto Arsizio per la nazionale: "Lo sapevo fin dall’inizio, da quando l’abbiamo lasciato andare dopo tutti i risultati che aveva ottenuto come direttore delle nostre giovanili. La polemica sul doppio incarico non ha senso, il primo a non volerlo è proprio Julio".

Detto che il vero problema anche del volley sono gli impianti ("i peggiori dei paesi più evoluti, la vera emergenza è questa"), i numeri confermano la salute del movimento: 8 medaglie vinte dalle nazionali seniores e giovanili, tesserat saliti a 314mila (+15%), con una grande prevalenza soprattutto a livello giovanile delle ragazze (185mila solo tra i 6 e i 16 anni) rispetto al settore maschile, con investimenti per il settore seniores che superano i 4 milioni di euro (4,7 milioni sono entrati dagli sponsor solo per gli Europei).

Doriano Rabotti

Continua a leggere tutte le notizie di sport su