Ricky Rubio, stoppata alla depressione: torna ad allenarsi con il Barcellona

Il play spagnolo aveva interrotto la sua carriera in NBA per curare alcuni problemi di salute mentale, ora ha annunciato il ritorno sul parquet con un lungo post sui social

di GIANLUCA SEPE -
30 gennaio 2024
Ricky Rubio in allenamento
Ricky Rubio in allenamento

Ricky Rubio torna ad accarezzare la palla a spicchi. Il play spagnolo che vanta 12 stagioni in NBA aveva annunciato la sospensione della carriera a tempo indeterminato all’inizio di questa stagione a causa di alcuni problemi di depressione, ma ora si dice pronto a tornare in campo. Con un lungo post sui social, l’ex Cavs ha spiegato di sentirsi meglio e di aver scelto il luogo da cui tutto era cominciato per tornare in punta di piedi nel mondo del basket. “C'era qualcosa che mi annebbiava e non riuscivo a superarlo. Ora sto molto meglio con l'aiuto di cui avevo bisogno e mi sto ricostruendo dall'interno e non dall'esterno. Sono sempre stato io a cercare di essere positivo, ma a volte mentivo a me stesso. Non ammettevo di sentirmi in un certo modo perché mi avrebbe ostacolato, ma questo ha finito per ritorcersi contro di me. Dobbiamo essere onesti con noi stessi” si legge nella lunga confessione affidata al suo profilo su X. Il classe 1990 aveva iniziato a muovere i primi passi nel basket proprio in Catalogna, prima alla Joventut de Badalona dove è entrato a soli 14 anni tra i professionisti e poi per due stagioni con il Barcellona (dal 2009 al 2011). Dai blaugrana della palla spicchi è poi iniziata una lunga carriera in NBA, prima ai Minnesota Timberwolves e poi ai Jazz, passando anche per Phoenix, Indiana e Cleveland, dove si è conclusa la sua carriera oltre Oceano. Proprio la lunga carriera negli Stati Uniti rappresenta uno dei rimpianti per Rubio che avrebbe voluto eguagliare i risultati ottenuti con la Spagna (due ori europei e uno mondiale nel lungo palmarès con la Roja): “Ci sono stati momenti brutti, ovviamente, non era una storia perfetta. Ma ho imparato molto, mi sono fatto molti amici e sono cresciuto durante tutto il processo”. Ora una nuova occasione in Spagna ma è lo stesso Rubio a frenare gli entusiasmi e predicare cautela su un suo eventuale rientro: “Prima di tutto penserò a me stesso. Sono ancora in fase di recupero, ho attraversato un grande shock, ma so che il basket è una parte importante di ciò che sono”.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su