La Virtus cade col Venezia: il Ko all’overtime

Alla Segafredo Arena la formazione di Banchi sconfitta dalla Reyer 84-85 dopo un supplementare

di FILIPPO MAZZONI -
16 dicembre 2023
Un momento del match (Fotoschicchi)
Un momento del match (Fotoschicchi)

Bologna, 16 dicembre 2023 – Una Virtus stanca, fisicamente e mentalmente dalle battaglie di Eurolega cade nell’anticipo della 12esima giornata di campionato, battuta 84-85 dopo un supplementare da Venezia. Una vittoria quella della Reyer che consente ai veneti di rimanere almeno per una sera in solitaria in scia della capolista Brescia che nell’altro anticipo di campionato passata 70-77 sul campo di Reggio Emilia.

Sfida numero 95 tra Virtus e Venezia, con i bianconeri avanti per 55-39 nel computo totale e 38-9 nei match giocati sotto le Due Torri. Entrambe seconde in classifica bianconeri e orogranata arrivano al confronto in condizioni psicofisiche: Virtus esaltata dopo la vittoria di 48 ore prima col Tau, Venezia in cerca di riscatto dopo il pesante ko di Parigi di martedì sera. Vu Nera a referto senza Mickey e Smith, con Luca Banchi che lancia subito nella mischia Hackett, Cordinier, Dobric, Shengelia e Cacok. Discreta cornice di pubblico anche se non c’è il tutto esaurito alla Segafredo Arena, con la presenza di un centinaio di tifosi veneti che nei primi minuti espongono lo striscione “Bentornato Achille”. Parte meglio Venezia che si porta avanti 8-13 al 6’, ma soprattutto con la squadra di Spahija che dimostra maggiore presenza a rimbalzo e sulle palle vaganti. La Virtus appare invece un po’ distratta e sicuramente fisicamente e mentalmente stanca dopo le fatiche di Eurolega. Banchi prova ad attingere energie anche dalla sua panchina, ma il primo vero strappo è di Venezia che all’8’ si porta avanti 10-23, sul +13. Ci prova allora il pubblico a scaldare Belinelli e compagni che nel finale di primo quarto, grazie proprio al capitano ricuciono parzialmente lo strappo. La risalita bianconera anche nel secondo quarto, dove si segna col contagocce. Al 16’ Spahija chiede tempo dopo il canestro di Dobric che riporta a -4 sul 27-31 la Virtus.

Non cambia il copione della sfida nel secondo tempo. Venezia sempre alla guida e Virtus che fatica. Al 23’ la Reyer torna avanti in doppia cifra sul 37-49. La Virtus ritorna in scia con un parziale di 11-2. 7 punti di fila di Abass, tra cui due tripla impattano il punteggio sul 59-59 al 29’. Venezia riprende però in mano la sfida e torna ad allunga con un controbreak di 2-11, con Banchi costretto a chiedere tempo sul 61-70 a 7’29” dalla fine. 1’ dopo i bianconeri sono di nuovo sotto 62-72. Ma non è finita sotto 67-77 a 2’30” dalla fine la Virtus trova la forza per pareggiare grazie a 9 punti di fila di Belinelli e alla schiacciata di Shengelia che vale l’80-80. Si va al supplementare dove le squadre continuano con sorpassi e controsorpassi. A 14” dalla fine Wiltjer riporta avanti 84-85 Venezia. L’ultimo disperato tiro bianconero è di Shengelia ma non va a buon fine.

Il tabellino

VIRTUS BOLOGNA 84 REYER VENEZIA 85 (Dopo 1 tempo supplementare) SEGAFREDO BOLOGNA: Cordinier 5, Lundberg, Belinelli 15, Pajola 9, Dobric 6, Cacok 2, Shengelia 13, Hackett 8, Polonara, Dunston, Abass 9, Mascolo 2. All. Banchi. UMANA VENEZIA: Spissu 4, Tessitori 7, Casarin 4, De Nicolao 3, O’Connell, Parks 7, Brooks 8, Wiltjer 14, Brown 13, Tucker 25; Janelidze ne, Vanin ne. All. Spahija. Arbitri: Attard, Bartoli, Quarta. Note: parziali 15-23, 35-40, 59-61, 80-80.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su