Beni del Pineto pronto per il match: "Recanatese, mi aspettavo più punti"

Il tecnico degli abruzzesi sul confronto di sabato: "Siamo in un buon momento, bravi i giallorossi nel derby"

27 marzo 2024
Beni del Pineto pronto per il match: "Recanatese, mi aspettavo più punti"

Roberto Beni, 56 anni, da febbraio sulla panchina del Pineto

A tu per tu con Roberto Beni, dall’inizio di febbraio sulla panchina del Pineto dove ha raccolto il testimone da Daniele Amaolo, totalizzando sinora 5 pareggi in 9 partite con 2 vittorie ottenute quasi all’inizio dell’esperienza con il club biancoazzurro. Il tecnico sambenedettese, 56 anni, si è quindi "svincolato" dalla sua pluriennale collaborazione con Ballardini accettando la proposta del suo amico diesse Marcello Di Giuseppe: "A livello personale è una bella esperienza: con il Direttore abbiamo anche giocato insieme (con il Nereto in Interregionale ndr) e ci siamo sempre sentiti e confrontati in questi anni. Lo ringrazio per aver atteso che mi liberassi dalla Cremonese. La mia impronta? Ho cercato soprattutto di lavorare sulla mentalità e sull’atteggiamento che poi conducono, inevitabilmente, a buone prestazioni".

Sabato affronterete la Recanatese con 7 punti di vantaggio: avete fatto molto in chiave salvezza ma non ancora tutto.

"Proprio così, sintesi correttissima. Quello che conta comunque è che siamo in un buon momento e lo abbiamo dimostrato anche a Perugia. Ragioniamo partita dopo partita ed alla fine tireremo le somme".

Quali possono essere le chiavi di una gara dove, per certi aspetti, vi troverete di fronte un avversario difficilmente prevedibile.

"I dati statistici, come quelli relativi ai gol subiti dalla Recanatese, li guardo poco. Contro l’Ancona la squadra giallorossa mi ha fatto una buona impressione rischiando pochissimo, d’altronde hanno un ottimo organico e, vedendo anche l’inizio del girone di andata, avrei ipotizzato per loro una classifica totalmente diversa con una posizione, almeno, tranquilla. Le cose sono andate in maniera diversa, anche perché siamo nel contesto di un campionato tremendamente difficile, basti vedere le posizioni di Entella, Spal, Ancona o della stessa Vis Pesaro che abbiamo affrontato poco fa e che dispone comunque di una rosa di spessore".

Anche ricordando la gara di andata, con la rete del pareggio di Volpicelli al 90’, colpisce molto il fatto che spesso riuscite a realizzare gol importanti in zona Cesarini ed oltre: solo casualità?

"Credo che sia il segnale di una squadra che, se non altro, ha carattere e difficilmente molla. Detto questo, nel nostro percorso c’è ancora tanto da fare anche se sono totalmente soddisfatto del lavoro".

Il pareggio sarebbe un risultato che vi soddisferebbe

"Forse a posteriori, perché è sempre il campo ad essere il giudice supremo. È importante il modo con il quale si affrontano le partite, per questo è essenziale fare sempre la prestazione e non avere rimpianti. Tanto più in questo girone dove si può vincere o perdere contro chiunque e basta davvero pochissimo per spostare gli equilibri".

Andrea Verdolini

Continua a leggere tutte le notizie di sport su