Dalle big alle gare salvezza. Un calendario a ostacoli. L’Empoli non può fallire

Da qui alla fine gli azzurri dovranno affrontare Inter, Napoli, Lazio e Roma. Grande peso lo avranno gli scontri diretti con Lecce, Frosinone e Udinese.

di ILARIA MASINI -
26 marzo 2024
Un calendario a ostacoli. L’Empoli non può fallire

Sebastiano Luperto, leader dell’Empoli, al termine della sfida persa in casa contro il Cagliari (Gasperini/FotoGermogli)

L’ultimo è andato male, gli altri saranno decisivi. La sensazione è che gran parte della salvezza dell’Empoli possa passare dai prossimi scontri diretti: due sono in trasferta con il Lecce e l’Udinese e uno in casa contro il Frosinone. Delle ultime tre sconfitte (tutte di misura per 1-0) incassate dalla formazione di Davide Nicola la più pesante è stata sicuramente quella con il Cagliari al ’Castellani Computer Gross Arena’ lo scorso 3 marzo perché è arrivata proprio contro un’altra società in corsa per non retrocedere in Serie B.

Meno doloroso, per la forza e le ambizioni delle avversarie, il fatto di aver perso con il Milan a San Siro e con il Bologna in casa, anche se la sconfitta contro gli uomini di Thiago Motta è arrivata in extremis e ha lasciato amarezza e rimpianti. Lunedì ci sarà la trasferta al Meazza con l’Inter, avversario quasi proibitivo, subito dopo a Empoli arriverà il Torino il 6 aprile e il calendario da qui alla fine vede anche diversi confronti con altre big della massima Serie: Napoli, Atalanta, Lazio e Roma. Ma la chiave per salvarsi non sembra questa perché i veri ostacoli da non fallire saranno il Lecce il 13 aprile, il Frosinone il 5 maggio e l’Udinese il 19 dello stesso mese. Tre date da circoletto rosso e che gli azzurri saranno chiamati ad affrontare al top. Poi ci sarà da capire quale sarà la classifica in quel preciso momento, ma ad ora sono tre dirette concorrenti. Il club salentino attualmente ha 28 punti e, dopo un periodo del tutto negativo, si è risollevato grazie alla vittoria a Salerno prima della sosta per le Nazionali. Il Frosinone invece è a quota 24, una lunghezza in meno dell’Empoli mentre l’ultimo testa a testa stagionale per il club di Fabrizio Corsi sarà quello con l’Udinese che al momento è a quota 27, due passi in più dell’Empoli.

Gli azzurri arrivano da tre sconfitte consecutive e, dopo la vittoria al ’Mapei Stadium’ contro il Sassuolo, non sono più riusciti a mettere in cassaforte punti utili. A proposito di scontri diretti quello contro i neroverdi (che adesso sono a quota 23) sarebbe proprio l’esempio da seguire nell’immediato futuro per risultato e determinazione.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su