Empoli, con l’Inter missione impossibile?. Servirà un’impresa, eppure alcuni dettagli...

I nerazzurri non stanno vivendo il periodo più brillante: la squadra di Nicola dovrà sfruttare la solidità difensiva per coltivare le speranze

28 marzo 2024
Empoli, con l’Inter missione impossibile?. Servirà un’impresa, eppure alcuni dettagli...

Il difensore centrale azzurro Walukiewicz in marcatura sull’attaccante dell’Inter Thuram, durante il match di andata al Castellani.

di Simone Cioni

La sfida di lunedì a Milano contro la capolista Inter è il classico “Davide contro Golia“. Uno di quei match in cui nove volte su dieci il risultato rispecchia il pronostico nettamente favorevole alla squadra sulla carta più forte. Appunto, nove volte su dieci. La storia del calcio è infatti piena di sorprese e di pronostici soverchiati e anche in questo caso l’impresa che dovranno compiere gli azzurri per tornare a casa con un risultato positivo è sicuramente titanica, ma non impossibile. Servirà certamente una giornata magari non al top dei nerazzurri di Simone Inzaghi, con al contempo una prestazione che rasenti la perfezione da parte degli uomini di Davide Nicola. Partiamo dal primo aspetto con qualche avvisaglia che può alimentare un cauto ottimismo. Da un lato il contraccolpo dell’eliminazione dalla Champions League, dall’altro i ben 14 giocatori che nelle ultime due settimane sono stati impegnati con le rispettive Nazionali, giocando per altro molti minuti. Due di questi, il portiere Sommer e il difensore centrale De Vrji si sono anche infortunati e salteranno la sfida di lunedì prossimo. Da qui a parlare di emergenza ce ne corre vista la rosa a disposizione di Simone Inzaghi, ma in un momento non certo brillantissimo (due successi sofferti contro Genoa e Bologna ed un pari col Napoli ’timbrando’ appena 4 reti dopo averne messe a segno 12 nelle precedenti 3 gare) si tratta di qualche preoccupazione.

In casa azzurra, invece, nonostante le difficoltà di finalizzazione (questione di non poco conto visto che di fronte ci sarà la miglior difesa del campionato), ci sono anche delle situazioni su cui puntare. Prima di tutto l’organizzazione difensiva: da inizio 2024, oltre all’Inter, solo Torino, Bologna, Atalanta, Napoli e Juventus hanno subito meno dei 13 gol incassati da Caprile. Non per niente l’Empoli è terzo in una speciale graduatoria riferita ai contrasti vinti con 16,3 duelli a partita. Un altro dato, poi, evidenzia come comunque anche a livello offensivo la situazione non sia poi così drastica, almeno per quanto riguarda lo sviluppo del gioco. Gli azzurri sono infatti tra le compagini che hanno subito più falli in fase offensiva, segno che Cambiaghi e compagni riescono ad arrivare con una certa pericolosità nella metà campo avversaria. A mancare veramente, quindi, è solo la finalizzazione come rimarca il dato negativo della differenza tra gli expected goals, ossia le reti previste rispetto alle occasioni create, e quelli realmente realizzati. Nessuno in Serie A ha fatto peggio dell’Empoli. Inoltre in questa stagione gli azzurri hanno raccolto più punti in trasferta che in casa, cogliendo già risultati prestigiosi a Firenze, Napoli e Torino contro la Juventus.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su