Maleh appare inesauribile. Buon impatto di Fazzini

Altra prova ordinata e senza particolari sbavature per Ismajli e Walukiewicz. Scarso invece l’apporto di Cancellieri e Kovalenko che non riescono a incidere.

4 febbraio 2024
Maleh appare inesauribile. Buon impatto di Fazzini
Maleh appare inesauribile. Buon impatto di Fazzini

CAPRILE 6 – Reattivo nel primo tempo su Sabelli anche se l’esterno rossoblù era in fuorigioco. Da sicurezza al reparto.

ISMAJLI 6.5 – Qualche disattenzione sulle palle inattive, sicuro e deciso in marcatura.

WALUKIEWICZ 6.5 – Sempre molto affidabile per tempismo e tenuta nell’uno contro uno.

BERESZYNSKI 6 – Chiude bene le linee di passaggio e se può accompagna l’azione, manca un po’ di incisività.

CACACE 6.5 – Entra con buona personalità, preziose un paio di letture difensive, si propone con costanza lungo l’out mancino e sfiora anche il gol.

GRASSI 6 – Il pallone viaggia troppo lentamente in mezzo al campo e lui ne tocca pochi, meglio in fase di interdizione. Cresce nella ripresa.

KOVALENKO 5 – Meno brillante di altre volte, gira spesso a vuoto. Attenuante il fatto che rientrasse da un brutto infortunio alle costole.

MALEH 6.5 – Solito dinamismo, talvolta un po’ impreciso, ma finisce più forte di come ha cominciato.

GYASI 5.5 – Come a Torino rischia grosso con una leggerezza in fase di uscita. Prudente.

ZURKOWSKI 6 – Si muove molto e punta l’area, anche lui però è poco preciso al momento della giocata decisiva. Esce gradualmente dal gioco.

DESTRO 6 – Una deviazione acrobatica parata da Martinez e qualche buon movimento.

CAMBIAGHI 6.5 – Meno continuo delle ultime uscite, eppure le due più grandi occasioni nascono dalle sue iniziative.

FAZZINI 6 – Entra con il piglio giusto e il coraggio di provare anche certe giocate, come il tunnel che costa l’espulsione a De Winter.

CANCELLIERI 5.5 – Da punta centrale tocca pochi palloni, meglio da esterno alto a sinistra, ma combina poco.

NICOLA 6 – Inizialmente non cambia impostazione, dando certezze alla squadra. Hanno convinto meno alcuni cambi. Probabilmente si poteva osare di più. Il percorso, però, è soltanto all’inizio.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su