Fano Petritola: "Abbiamo perso sulle fasce"

Il dg esamina la sconfitta di L’Aquila: "Giuliodori e Banegas ci hanno fatti soffrire, paghiamo anche un po’ di stanchezza" .

12 marzo 2024
Fano Petritola: "Abbiamo perso sulle fasce"

Urbinati non è tornato in campo nella ripresa a causa di un affaticamento muscolare

Allo stadio "Gran Sasso d’Italia" vola l’aquila abruzzese mentre quella granata resta inchiodata a terra. "L’Aquila ci ha messo subito sotto, – conferma il direttore generale dell’Alma Giuseppe Petritola – abbiamo sofferto soprattutto sulla fascia dove operavano Giuliodori e Banegas, con loro che sono riusciti a segnare due gol nella prima frazione di gioco". In effetti pronti via e il Fano è andato subito in difficoltà, tanto che alla mezzora, già sotto di una rete, mister Manoni ha provato a modificare l’assetto tattico passando dal 4-3-1-2 al 4-4-2 (dentro Zanni per Serges) proprio per cercare di arginare il gioco dei padroni di casa sulla fascia destra, dove Allegrucci è andato subito in difficoltà nella fase di copertura. "Dobbiamo considerare che venivamo da quattro partite in due settimane – ha continuato il direttore Petritola – con i ragazzi che hanno accusato un po’ la fatica di questi impegni ravvicinati, lo si è visto anche con Urbinati che non è rientrato nel secondo tempo. Niente di grave per lui, ma solo un affaticamento muscolare, però è indubbio che ci è mancata quella freschezza atletica, anche se l’atteggiamento che ho visto in campo è stato quello giusto".

Dopo aver preso il secondo gol proprio in chiusura del primo tempo, l’Alma ha cercato di reagire nella ripresa, creando pure la situazione per riaprire la partita con la clamorosa traversa colpita da Riggioni alla mezzora. Nello stadio abruzzese si è visto, insomma, un Fano che non vuol mollare, anche se la situazione di classifica, ogni domenica che passa, rischia di farsi sempre più complicata. Nell’ultimo turno, magra consolazione, le ultime sette squadre in classifica hanno tutte perso ad eccezione della "cenerentola" Matese che, battendo il Fossombrone, ha così agganciato il Vastogirardi (21 punti), ad appena due lunghezze di distanza dall’Alma (23 punti). Per cui poco o nulla è cambiato, a patto però di archiviare alla svelta questa sconfitta e pensare di fare punti fin dalla prossima gara, quella al "Mancini" contro la capolista Campobasso. "Non possiamo pensare – ha detto mister Manolo Manoni – che in alcune partite non si debba far niente per raggiungere un risultato positivo solo perché si considera la gara persa in partenza. Al contrario penso che una squadra come la nostra, giovane ma con dei valori umani importanti debba giocarsela con tutti". La riprova, quindi, domenica prossima.

sil.cla.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su