Fiorentina, Maxime Lopez: "Inizio difficile per me, adesso sono pronto"

Il centrocampista francese ha parlato nella conferenza stampa di presentazione della sfida al Genk in Conference League

29 novembre 2023
Maxime Lopez alla vigilia di Fiorentina-Genk
Maxime Lopez alla vigilia di Fiorentina-Genk

Firenze, 29 novembre 2023 - Un inserimento non semplice, poi le cose sono migliorate. Il regista di coppa, Maxime Lopez, ha preso la parola in conferenza stampa al fianco di mister Italiano. Nell'ultimo periodo è cresciuto. Il tecnico ha raccontato di "averlo visto diverso" e non ha esitato a mandarlo in campo nel secondo tempo di San Siro. Buona prova complessiva, con anche un tiro che è uscito di poco rispetto all'incrocio dei pali.

L'occasione per le sue parole è la presentazione della sfida al Genk, decisiva per il passaggio del turno con una giornata d'anticipo. Se la Fiorentina dovesse vincere e il Ferencvaros non dovesse battere il Cukaricki sarebbe automatico anche il primo posto nel Gruppo F. Più probabile però che per festeggiare il primato serva almeno un punto in Ungheria. Queste le parole di Maxime Lopez dal Media Center del Viola Park. "Il mio primo mese non è stato buono, non ero contento. Sapevo però che serviva per inserirmi al meglio e capire le richieste del mister e dei compagni. Da dopo la sosta di ottobre sto meglio, il gol in Conference mi ha dato tanta fiducia. Ho parlato col mister, sto bene in questo gruppo. Il lavoro è ottimo, io adesso sto veramente meglio". Lei ha avuto De Zerbi, Dionisi e Italiano come allenatori. Come li valuta? "Tutti gli allenatori sono diversi. Italiano e De Zerbi nel carattere sono vicini, in allenamento sono sempre dietro ai giocatori e ti danno fiducia. Sono molto bravi, anche Dionisi è bravo seppur nella sua diversità. Sono tutti tecnici di alto livello che avranno un bel futuro". Come vive la concorrenza di Arthur nel suo ruolo? "La concorrenza fa parte del calcio. Dobbiamo rispondere sul campo per dare al mister la possibilità di scegliere al meglio. Non la vivo come un problema". Quanto è importante per voi la coppa. Vuole fare un appello ai tifosi? "Dopo quello che ha fatto la squadra lo scorso anno, la Conference è molto importante per il gruppo. Noi dobbiamo dare tutto in campo, è quello che si aspettano i tifosi da noi". Come ha vissuto il gruppo le ultime sconfitte? "Le sconfitte sono arrivate per alcuni dettagli come un cross o un rigore; queste cose si lavorano e si migliorano in allenamento. In Conference però abbiamo sempre segnato e continueremo a farlo, poi ritroveremo i gol anche in campionato". Alessandro Latini

Continua a leggere tutte le notizie di sport su