Il recupero di Gonzalez. Due spezzoni di partita e pure un rigore sbagliato. Caro Nico, che succede?

Sembrava guarito, ma nelle ultime tre gare ha giocato 29’ con l’Inter e 25’ a Lecce .

6 febbraio 2024
Due spezzoni di partita e pure un rigore sbagliato. Caro Nico, che succede?
Due spezzoni di partita e pure un rigore sbagliato. Caro Nico, che succede?

Fino a prima dell’inizio del 2024 c’era una sorprendente statistica che riguardava Nico Gonzalez: nelle volte in cui (sette in tutto, durante la prima parte di stagione) l’argentino non aveva giocato – o perché non disponibile o per scelta tecnica – la Fiorentina non aveva mai perso. Anzi, quasi per uno strano scherzo del destino aveva sempre vinto tra agosto e dicembre, segnando 15 gol e non subendone nemmeno uno.

Numeri da capogiro per Biraghi e compagni che tuttavia adesso, senza il numero 10 nel momento più difficile della stagione, sembrano davvero rimasti al buio. Di idee, di gioco e, soprattutto, di gol. Gonzalez, tra i tre-quattro leader tecnici e temperamentali della squadra di Italiano, è l’unico giocatore che manca come il pane a una Viola ancora alla ricerca, oltre che del primo successo nell’anno nuovo, di quella spensieratezza che aveva contraddistinto il cammino della squadra fino al giro di boa. Da gennaio in poi, con o senza Nico, c’è stato infatti un tracollo. E questo, come detto, anche nelle gare in cui – dopo un mese e mezzo di infortunio per la lesione di secondo grado ai flessori subita a Budapest contro il Ferencvaros – Nico è tornato a disposizione: ko per 3-0 a Riad contro il Napoli (dove l’ex Stoccarda è rimasto in panchina), sconfitta casalinga contro l’Inter (con tanto di rigore fallito, il primo da quando gioca in Italia dopo 10 di fila) oltre alla prova senza sussulti di venerdì a Lecce, dove Gonzalez ha accumulato addirittura meno minuti (25’) rispetto a quelli collezionati contro la capolista (29’).

Una scelta insolita, specie perché dopo il ko con i nerazzurri Italiano sul conto del suo 10 era stato chiaro: "Da oggi Nico è del tutto recuperato e si allena a pieno regime con la squadra" aveva spiegato il tecnico: "Con lo staff medico è stato stabilito un programma ad hoc e pian piano Gonzalez aumenterà il minutaggio". Ecco perché dalla sfida di domenica contro il Frosinone, l’allenatore spera di poter di nuovo contare fin dal 1’ sul suo giocatore più importante.

Andrea Giannattasio

Continua a leggere tutte le notizie di sport su