La ripartenza della Recanatese: "Un pieno di energia dal mercato"

Pagliari commenta le operazioni: "Presi giocatori esperti e giovani che possono darci una mano"

3 febbraio 2024
La ripartenza della Recanatese: "Un pieno di energia dal mercato"
La ripartenza della Recanatese: "Un pieno di energia dal mercato"

"Tante facce nuove per avere energie fresche: era quello che dovevamo fare ed abbiamo fatto". Per Giovanni Pagliari insomma si tratta di una ri-partenza vera e propria dopo la chiusura del mercato invernale che ha portato complessivamente nove arrivi per una mezza rivoluzione dei ranghi di cui si avvertiva l’esigenza. Resta, in extremis, Edoardo Ferrante ma le scelte tecniche operate inducono a pensare che sia fuori dal progetto, d’altronde certi presupposti fondamentali sono venuti a mancare. Con l’allenatore partiamo dai difensori Allievi e Rizzo, entrambi fuori lista ma, seppur con percorsi diversi, con buone dosi di esperienza alle spalle: "Il primo a Rimini si è sempre allenato con la squadra: adesso lo valuteremo ma confidiamo di trovarlo in buonissime condizioni. L’altro comunque ha accumulato un discreto numero di presenze in categoria ed a noi servono come il pane elementi che hanno trascorsi in C. E lo stesso discorso che vale per Raimo che nonostante i 25 anni ha fatto annate importanti a Grosseto, Siena e Carrara".

Se una squadra è arrivata a subire 37 gol forse i problemi vanno anche ricercati altrove.

"Assolutamente d’accordo ed infatti con il direttore siamo intervenuti anche a metà campo con l’innesto di Fiorini che non sarà un giocatore velocissimo ma ha un’ottima visione di gioco e soprattutto fisicità con i suoi 184 centimetri".

Lo getterà subito nella mischia già a partire da domani, complice l’assenza per squalifica di Sbaffo?

"Penso di sì: in fondo anche a Foggia ha fatto le sue partite e credo che verrà utilizzato".

Sul filo di lana è arrivato in attacco anche Mazia, 20 anni ancora da compiere e che a Brindisi non trovava molto spazio.

"In realtà è più un trequartista ed una seconda punta: ho avuto modo di visionarlo e credo che ci potrebbe dare una mano".

Il filo conduttore di questo mercato della Recanatese è stato quello di mettere muscoli ed esperienza al servizio della squadra. Peccato che siamo già a febbraio.

"Vero, forse l’anno scorso eravamo in anticipo. Alcuni di quegli innesti, penso a Peretti e Guadagni, diedero contributi fondamentali. Per varie ragioni comunque dovevamo rinnovare ed anche in maniera profonda e nei limiti delle nostre possibilità lo abbiamo fatto".

Focus ora sul Pontedera, per l’ennesima volta rivelazione della stagione con i suoi 35 punti e seppur reduce da due sconfitte avversario temibilissimo con qualche giovane, Ianesi in primis, molto interessante.

"Fanno un calcio propositivo e quando attaccano hanno le potenzialità per creare sempre insidie. Se hanno qualche problema è evidente che lo hanno in difesa dove anche loro subiscono troppo. In realtà però cambia poco: da qui al termine della regular season sono quindici partite che equivalgono a quindici finali".

Andrea Verdolini

Continua a leggere tutte le notizie di sport su