Milan, super lavoro in infermeria verso il derby: dopo Giroud, preoccupa anche Kalulu

Problema muscolare per il difensore francese: si complicano i piani di Pioli per sostituire lo squalificato Tomori. In attacco si scaldano il neoacquisto Jovic e Okafor

di ILARIA CHECCHI -
10 settembre 2023
Pierre Kalulu, 23 anni

Pierre Kalulu, 23 anni

Milano, 10 settembre 2023 – Gli aggiornamenti dall’infermeria rossonera in vista del fondamentale derby di sabato prossimo contro i cugini nerazzurri non si placano e, dopo il rientro a Milanello anticipato di Olivier Giroud, a preoccupare ora sono le condizioni di Pierre Kalulu.

Kalulu in dubbio

Il difensore francese, non convocato da Deschamps e pertanto rimasto sotto la Madonnina, avrebbe accusato un fastidio muscolare che potrebbe mettere a rischio la sua presenza nel derby. Il numero 20 di Stefano Pioli dovrebbe sostituire lo squalificato Tomori al centro della difesa rossonera e lo staff medico sta facendo di tutto per poterlo recuperare: in caso la missione fallisse, Simon Kjaer sarebbe la seconda carta a disposizione del tecnico parmigiano per sopperire all’assenza dell’ex Chelsea e affiancare il tedesco Thiaw. I prossimi giorni saranno ovviamente decisivi per capire la reale portata del fastidio accusato dal duttile giocatore del Milan e le possibilità che possa giocare dal primo minuto contro l’Inter. 

La caviglia di Giroud

Presente a Milanello, oltre a Kalulu, anche Olivier Giroud: entrambi i giocatori sono stati sottoposti alle doverose terapie, con il centravanti che è tornato in Italia dopo l'infortunio alla caviglia rimediato nella sfida contro l’Irlanda di giovedì scorso. Ovviamente l’ottimismo regna sovrano ma il 36enne capocannoniere del Diavolo dovrà essere gestito al meglio, considerato il fitto calendario che attende la squadra nelle prossime settimane tra cui l’esordio in Champions League contro il Newcastle di Sandro Tonali.

Jovic e Okafor

Qualora le condizioni dell’attaccante non garantiranno le certezze richieste, Pioli ha già pronto il piano B: la prima scelta porta il nome di Luka Jovic, arrivato a Milanello nell’ultimo giorno di mercato dalla Fiorentina a titolo definitivo con un’opzione per rinnovare l’accordo per tre ulteriori stagioni dopo la scadenza del prossimo giugno. L’attaccante è stato chiamato a svolgere il ruolo di vice-Giroud e la fame e la voglia di riscatto da parte del serbo non mancano di certo: un battesimo di fuoco come potrebbe essere la stracittadina di sabato potrebbe essere la spinta giusta per dare a Jovic la sicurezza di un ruolo da comprimario. L’alternativa a Jovic, invece, è Noah Okafor: lo svizzero ha già debuttato in Serie A con la maglia rossonera per alcuni scorci di partita dov’è stato provato sia da vice Leao che proprio da vice Giroud ma nell’idea del tecnico l’ex Salisburgo viene visto più come alternativa al portoghese.

Maignan e Hernandez

Dal ritiro della Francia, inoltre, arrivano aggiornamenti su Mike Maignan e Theo Hernandez, entrambi non in gruppo nell’allenamento di ieri: se il portiere rossonero ha semplicemente svolto un lavoro di scarico, il terzino ha accusato un leggero problema al polpaccio che non desta preoccupazioni ma è probabile che venga preservato dall’amichevole contro la Germania.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su