Milan, secondo posto raggiunto: ora i rossoneri pensano già all'Europa League

Juventus scavalcata grazie a un Pulisic in stato di grazia: l'obiettivo stagionale resta la vittoria europea, decisiva anche per il futuro di Stefano Pioli

di ILARIA CHECCHI -
11 marzo 2024
Pulisic esulta durante la partita contro Slavia Praga

Pulisic esulta durante la partita contro Slavia Praga

Milano, 11 marzo 2024 – Milan subito al lavoro dopo la vittoria di misura contro l’Empoli: giovedì alle 18:45, infatti, a Praga i rossoneri dovranno affrontare lo Slavia nel ritorno dell’ottavo di finale di Europa League. sperando di strappare il pass per i quarti. Si parte dal 4-2 confezionato a San Siro e da una rinnovata fiducia nelle qualità del gruppo.

Numeri

Dopo la trasferta di Roma contro la Lazio, Mike Maignan ha mantenuto inviolata la sua porta anche contro i toscani ottenendo il decimo clean sheet della sua stagione, il secondo consecutivo. Nelle ultime 9 sfide casalinghe a San Siro, invece, sono arrivati 23 punti su 27 disponibili, grazie a 7 vittorie e 2 pareggi, mentre quello di ieri è stato il settimo 1-0 stagionale in Serie A per il Diavolo che ha recuperato 8 punti nelle ultime 7 partite sui bianconeri, che ne hanno raccolti solo 6 contro i 14 dei rossoneri. Sempre più decisivo Capitan America Pulisic: l'ex Chelsea si conferma come secondo miglior marcatore stagionale del Milan, staccando Rafa Leao. In testa c'è Giroud con 14 reti realizzate, a seguire l'americano con 10 gol (di cui 8 in campionato) seguito dal portoghese fermo a 9. Guardando alla sola serie A Pulisic ha poi fornito anche 6 assist, uno score mai raggiunto nelle sue precedenti stagioni.

Secondo posto e obiettivi

Grazie al pareggio della Juventus, il Diavolo ha conquistato il secondo posto in classifica a dieci giornate dalla fine del campionato e se la vittoria contro l’Empoli non è stata certo spettacolare, Stefano Pioli può godersi il ritorno in difesa di Tomori da titolare e di Kalulu a gara in corso e con la difesa al completo i risultati si stanno vedendo. La gestione delle energie effettuata dal tecnico emiliano ha permesso ai vari Giroud (entrato per una manciata di minuti ieri pomeriggio), Gabbia e Kjaer di tirare il fiato in ottica Slavia, un crocevia decisivo per la stagione rossonera e per il futuro di Pioli: tanto dipenderà dal percorso in Europa League, considerato che il posto Champions sembra in ghiaccio. L'obiettivo primario è vincere il trofeo che manca nella bacheca di via Aldo Rossi e conquistarlo aumenterebbe le possibilità del tecnico parmigiano, che ha ancora un anno di contratto, di rimanere sulla panchina rossonera. Il tecnico non si sbilancia: «Penso che si parli troppo del futuro, perché il futuro è incerto per tutti. Qui siamo tutti concentrati sul presente, è quello che conta di più. Sono felice e soprattutto motivato per cercare di far sì che questa cosa duri il più a lungo possibile». Intanto, mantenere il secondo posto fino alla fine permetterebbe al Diavolo di partecipare l’anno prossimo alla Supercoppa italiana in Arabia Saudita.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su