Continua il silenzio stampa. Parla soltanto il tecnico dei Lagunari. Vanoli: "Il Pisa ha giocato a calcio»

Il Pisa perde contro il Venezia, ma riceve elogi. Vanoli critica il calciomercato ma esalta la determinazione della sua squadra. La vittoria dei lagunari li porta al secondo posto in classifica.

25 febbraio 2024
Vanoli: "Il Pisa ha giocato a calcio"

Una parata di Nicolas, 35 anni

"Rispettavo tanto questa partita: vincere in questo stadio non è mai semplice". Per l’ennesima volta negli ultimi due anni, il Pisa si ritrova a ricevere i complimenti in conferenza stampa da parte dell’allenatore avversario, in questo caso Vanoli, senza però aver conquistato alcun punto. I tre punti del Venezia, invece, spediscono gli arancioneroverdi al secondo posto in solitaria in classifica, considerando i pareggi di Como (contro il Parma), Palermo e Cremonese (queste ultime nello scontro diretto). Così, per un Pisa che esce tra i fischi assordanti del (poco) pubblico presente, c’è un Venezia che continua a sognare la Serie A: "Dobbiamo rimanere concentrati. Sappiamo quanti punti servono per continuare a sognare, dobbiamo continuare a perseguire il nostro obiettivo mattoncino dopo mattoncino".

Nonostante la felice posizione in classifica, Vanoli non si è tirato indietro nel lanciare una frecciatina, non la prima in questo periodo, riguardo il calciomercato, che ha visto Denis Johnsen, elemento importante della propria squadra, passare alla Cremonese: "Le altre tre squadre coinvolte con noi nella promozione sono più forti di noi, e si sono pure rinforzate in questo mercato. A favore nostro, invece, c’è una cosa: siamo una squadra. Tutti abbiamo voglia di vincere".

La vittoria contro la squadra di Aquilani, però, è stato tutt’altra che scontata: "I nerazzurri sono una squadra che gioca a calcio, e anche contro di noi lo hanno dimostrato. Dopo il gol del pareggio di Bonfanti sono stati pericolosi, mentre noi per la grande voglia di fare risultato a tutti i costi abbiamo lasciato qualche spazio, soprattutto tra le linee. Nonostante il Pisa sia molto bravo ad agire tra le linee noi abbiamo gestito bene la situazione, poi la nostra voglia si è trasformata nel gesto di Olivieri". Determinazione. Questa la parola che ha voluto ribadire più volte Vanoli. Nessuna paura, per conseguire un obiettivo. Probabilmente, il giudice del calcio ha voluto premiare la squadra che più ha tentato e meno temuto, con il Pisa condannato, per l’ennesima volta in stagione, a subire una rete in pieno recupero.

Lorenzo Vero

Continua a leggere tutte le notizie di sport su