Quei talenti pesaresi che hanno giocato in A. Zeffiro Furiassi e il brivido "Mondiale"

Il giocatore della Vis fu, nel dopoguerra, una colonna di Fiorentina e Lazio e giocò due partite con l’Italia ai campionati in Paraguay

10 febbraio 2024
Quei talenti pesaresi che hanno giocato in A. Zeffiro Furiassi e il brivido "Mondiale"
Quei talenti pesaresi che hanno giocato in A. Zeffiro Furiassi e il brivido "Mondiale"

Continua la carrellata dei calciatori della nostra provincia che hanno calcato il palcoscenico della serie A. Nel precedente articolo del 21 gennaio scorso abbiamo presentato: Stefano Sensi (Urbania), Francesco Urso e Filippo Romagna (Fano), Davide Frattesi (Serra Sant’Abbondio), Massimo Ambrosini (Pesaro), Mauro Sandreani, Maurizio Gori e Walter Bianchi (Cantiano), Mario Vivani (Cagli) e Antonio Ceccarini (Sant’Angelo in Vado). Ora è la volta di Gabriele Ceccolini di Pesaro nato il 22 settembre del 1946 ha giocato anche nel Cagliari (in serie A) timbrando due partite nel Mitropa Cup, contro la Dinano Mosca e Lo Spartak di Mosca e spesso tredicesimo in campionato senza però mai esordire, anche perché titolari c’era in duo Riva e Bonisegna. Altro pesarese che ha giocato in serie A è Arturo Bertuccioli, nato il 27 febbraio del 1945. Proveniente nel Victoria Pesaro esordì con la maglia della Spal in Serie A il 17 maggio 1964 contro il Bari. Rimase a Ferrara sino al 1969, giocando con i biancoazzurri 66 partite in Serie A e 44 in serie B.

Roberto Canestrari nato a Piagge il26 aprile del 1953 è residente a Fano, nel ruolo di difensore centrale del Cagliari debuttò nella massima categoria il 7 ottobre 1979 nel pareggio (1-1) con l’Udinese, 20 le presenze in A. Giovanni Mei nato a Fano il 15 ott 1953 ha giocato in serie A (Bologna, Atalanta, Cesena e Cremonese) 109 partite. Giorgio Ciaschini, portiere, nato a Pesaro il 4 settembre del 1947 ha esordito in serie A nel campionato 74-75 con la maglia del Lanerossi Vicenza. Franco Eusepi, centrocampista nato il 19-09-1956 a Pesaro ha timbrato 2 presenze (campionato ’77-’79) in serie A con il Pescara. Gastone Giacinti, portiere, nato a Fossombrone il 5-12-1945 ha difenso la porta del Foggia in serie A nella stagione ’73-74 (6 presenze). Daniele Conti, difensore nato a Fossombrone il 3 agosto del 1962 ha raggiunto la serie A col Cesena nel 1981 e rimanendoci anche nella stagione successiva.

Franco Battisodo nato a Pesaro il 15 aprile del 1948 ha militato prevalentemente nel Bologna (serie A), centrocampista dai piedi buoni, 96 le presenze nella massima serie. Angelo Calisti nato a San Leo il 16-2-48 calciatore in serie A con l’Ascoli. Poerio Mascella nato a Novafeltria il 19-10-50 ha difeso la porta dellaPistoiese nella massima serie. Mario Paradisi, portiere di Acqualagna (nato il 5-3-59) ha giocato in serie A con la Fiorentina, Avellino e Como. Bruno Petroni, attaccante nato ad Acqualagna (16-10-41) in serie A con l’Inter, il Catania e l’Atalanta, deceduto il 15 agosto 2014 a Milano. Giovanni Cornacchini nato a Fano il 22-07-65 ha giocato 3 partite in serie A con il Milan. Andrea Del Bianco centrocampista nato a Fano il 11-03-69 ha giocato 3 stagioni in A con il Cesena (56 partite). Giovanni Deogratias nato a Cartoceto il 31-3-61, difensore in A con l’Ancona.

Paolo Pupita di Piobbico, attaccante nato a Urbania il 16-9-73, 1 gara in serie A col Cesena (’89-90). Daniele Zoratto classe 61, nato in Svizzera da genitori Piobbichesi e residente a Piobbico, 7 stagioni in serie A col Cesena, Brescia, Parma e Padova. Attualmente allena la Nazionale Under 17. Davide Falcioni nato Fano, 19 maggio 1975: nell’estate 1996 lo ingaggiò la Juventus affidandogli il ruolo di terzo portiere, alle spalle di Angelo Peruzzi e Michelangelo Rampulla, pur chiuso nel ruolo dai succitati compagni di squadra, con i bianconeri esordisce in Serie A il 1º giugno 1997, a Torino contro la Lazio (2-2), presenza che gli consente di fregiarsi della vittoria dello scudetto. Zeffiro Furiassi nato a Pesaro il 19 gennaio 1923 e deceduto a Firenze il 4 novembre 1974, iniziò la carriera in Serie C nel 1939-1940 nella squadra della sua città natale, la Vis Pesaro, e l’anno successivo si trasferisce alla Fiorentina. Il suo esordio in Serie A è il 7 giugno 1942 in occasione di Bologna-Fiorentina (2-3). Quell’anno fa solo due apparizioni in prima squadra, poi gioca titolare la stagione 1942-1943 con 29 gettoni di presenza. Nel 1949-1950 passa alla Lazio dove rimane per sei stagioni. Tra Fiorentina e Lazio ha giocato otto campionati da titolare nella massima serie collezionando un totale di 237 presenze in Serie A. Ha vestito la maglia della Nazionale in occasione delle due partite disputate dall’Italia nei Mondiali del 1950 contro Svezia e Paraguay.

C’è chi la serie A l’ha vissuta facendo parte della rosa della squadra senza però mai debuttare: è il caso dell’attaccante Trentino Bui (Pesaro, 30 maggio 1915 – Pesaro, 14 ottobre 1957). Cresciuto nella Vis Pesaro, con la quale debuttò in prima squadra nel ruolo di ala, venne acquistato dalla Roma nella stagione 1938-39. Il campionato si rivela sfortunato, tanto che non riesce a debuttare con la maglia giallo rossa, venendo ceduto in prestito all’Atalanta. Altro calciatore che ha toccato con mani e piedi la serie A ma senza mai debuttare è Mario Barbaresi classe ’48, fanese di nascita e di residenza. Il titolare nel Torino in serie A era Cereser, il quale non ebbe mai neanche un raffreddore e cosi Barbaresi, che era la sua riserva naturale, si dovette accontentare gioco forza della panchina.

Amedeo Pisciolini

Continua a leggere tutte le notizie di sport su