Falcinelli prezioso anche come rifinitore. Verde ha il piede d’oro, Di Serio che grinta

Nagy leader per temperamento e sagacia tattica, Mateju chiude gli spazi e riparte, Moro bravo a procurarsi e trasformare il rigore

di FABIO BERNARDINI -
18 febbraio 2024
Falcinelli prezioso anche come rifinitore. Verde ha il piede d’oro, Di Serio che grinta

Di Serio autore del gol del 2-1 per lo Spezia, il secondo in due partite (foto P.Moretti)

ZOET 5,5: brutta giornata per l’olandese, prima si fa sorprendere dal tiro al volo di Pandolfi, poi si fa beffare dal gollonzo di Magrassi. Buona la respinta sulla conclusione di Pittarello.

MATEJU 6,5: ancorato nella propria metà campo nella prima frazione di gioco, chiude opportunamente gli spazi pur con qualche concessione. Più propositivo nella ripresa.

MUHL 6: rimbomba il suo nome per il bellissimo gol di testa che vale il tre a uno. Preciso e puntuale in difesa per 78’, poi il patatrac in collaborazione con Nikolaou che costa il gol di Magratti. Determinante anche se rischiosa una sua chiusura in calcio d’angolo sull’incursione di Pittarello.

NIKOLAOU 5,5: macchia la centesima partita in maglia bianca con clamorosa indecisione sull’incursione vincente di Magrassi.

CASSATA 6: discreto in fase di contenimento, mette in mostra grinta e cuore da spezzino vero (62’ VIGNALI 6: prestazione di sostanza).

VERDE 8: la reazione dei bianchi è nelle sue giocate, splendida la punizione respinta con difficoltà da Kastrati, da cineteca la parabola al sette che fa esplodere il ‘Picco’ (85’ ELIA s.v.).

NAGY 7: consueto muratore del centrocampo, è già leader per temperamento e sagacia tattica. Non sbaglia un pallone.

ESPOSITO S. 6,5: non disdegna la lotta ma fatica nel corso del primo tempo per qualità delle giocate e inventiva. Decisamente meglio nella ripresa, suo l’assist a Muhl che vale il terzo gol aquilotto, sfiora la rete con un tiro a giro.

JAGIELLO 6: non propriamente a suo agio sulla fascia sinistra, Carissoni gli inibisce spazi e movimenti con una marcatura quasi a uomo (62’ BANDINELLI 6: si presenta con un splendido fendente che fa la barba al palo).

FALCINELLI 7: si danna l’anima per far salire la squadra e dare profondità alla manovra dei bianchi. Da stropicciarsi gli occhi il movimento intriso di tecnica e velocità che lascia sul posto il diretto avversario, con annesso assist meraviglioso all’indirizzo di Di Serio. Prova a mettere il suggello del gol alla sua ottima prestazione ma Kastrati e un fuorigioco millimetrico gli negano l’esultanza (76’ ESPOSITO P. 6: smarca Moro per il rigore).

DI SERIO 7,5: trasforma lo stadio in una bolgia con un eccezionale gol di testa sotto la Ferrovia in delirio. Le movenze sono quelle dell’attaccante di razza in grado di infiammare il popolo bianco. A cercare il pelo nell’uovo non impeccabile la marcatura su Pandolfi sul gol (76’ MORO 6,5: si procura il rigore che trasforma).

ALL. D’ANGELO 7: vara uno Spezia d’assalto e coraggioso. La sua mano si vede, eccome, per il modo in cui la squadra ha assimilato la combattività ad oltranza suo marchio di fabbrica, senza la quale non ci sarebbe stata la reazione volitiva dopo il gol a freddo degli avversari. Peccato la sofferenza nel finale.

ARBITRO GUALTIERI 6: usa il pugno duro con le espulsioni di Branca e Angeli che a termini di regolamento ci stanno.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su