Ciclismo. Marco Pantani diventa una fiaba. A Maranello ’Ventocontrovento’

Morgana Montermini ha scritto una fiaba illustrata su Marco Pantani, celebrando il campione di ciclismo a vent'anni dalla sua scomparsa. L'evento, presentato a Maranello, ha coinvolto sportivi e appassionati, ricordando l'eredità di Pantani nel mondo dello sport italiano.

18 febbraio 2024
Marco Pantani diventa una fiaba. A Maranello ’Ventocontrovento’

Marco Pantani

"La favola è la parola che diventa immagine" e Morgana Montermini dopo aver inciso il brano ’il Pirata’ a vent’anni dalla scomparsa del campione di ciclismo ha scritto una fiaba illustrata su Marco Pantani, sulla sua vicenda umana e sportiva con tanti sportivi che ancora lo ricordano con scritte sulle strade di tutte Europa. L’evento è stato presentato alla Biblioteca Mabic a Maranello dagli autori di ’Ventocontrovento’ fiaba per bambini e adulti ispirata alla vita di Marco Pantani, scritta da Morgana Montermini vincitrice tra l’altro di un premio Tenco e da Marco Smeraglio, con le illustrazioni di Gabriele Montagnani e con l’intervento del dottor Enrico Monti. Un racconto che prende spunto dalle emozioni che ha saputo suscitare in ognuno di noi quello che resta uno tra i campioni più amati dello sport italiano. ’Io sono un pirata vero e la bici è il mio veliero’, recita il ritornello della canzone di Morgana, ora ha preso vita magicamente la fiaba su Pantani che trascinava le folle coinvolgendole con quell’aria semplice e dolce tra grandezza e fragilità. Buon successo ha riscosso l’iniziativa patrocinata dal Comune di Maranello rappresentato dal vicesindaco ed assessore allo sport Mariaelena Mililli e la presenza dello storico massaggiatore di Pantani Roberto Pregnolato che ha raccontato alcuni episodi sul nome del Pirata e della famosa bandana gialla. La storia di Marco Pantani è strettamente legata al territorio modenese con i quadri del pittore Primo Canepari. A Montefiorino il quindicenne Marco Pantani con tanti capelli ricci si aggiudicò la prima vittoria da allievo accompagnato da papà Paolo, con la casacca della Fausto Coppi di Cesenatico. Tra i dilettanti ha indossato la maglia della Giacobazzi Nonantola. Proprio tra i professionisti ha colto a Sassuolo la seconda piazza nell’ultima tappa della Coppi e Bartali.

Elio Giusti

Continua a leggere tutte le notizie di sport su