MotoGp, Bmw apre: “Non escludiamo altre categorie oltre la Superbike”

Il nuovo Ceo apre a una ipotesi nel Motomondiale: “Valutiamo e non escludiamo la partecipazione a nuove categorie”

di MANUEL MINGUZZI -
19 marzo 2024
Toprak Razgatlioglu su BMW Superbike

epa11173834 Turkish rider Toprak Razgatlioglu of ROKiT BMW Motorrad WorldSBK Team in action during WorldSBK Free Practice One of the Superbike World Championship on Phillip Island, Australia, 23 February 2024. EPA/JOEL CARRETT AUSTRALIA AND NEW ZEALAND OUT

Bologna, 19 marzo 2024 – Un approdo di Bmw in MotoGp non è più da escludere. Il noto marchio sta avviando da anni una campagna sportiva a due ruote su diverse categorie, in primis la Superbike dove è stato ingaggiato il forte pilota turco Toprak Razgatlioglu, ex campione del mondo con Yamaha, e nel futuro si stanno valutando altre opzioni motoristiche, tra queste anche la Moto gp. I vertici di Bmw sono recentemente cambiati e se il precedente CEO Markus Schramm aveva deciso di concentrarsi sulla Superbike negandosi più volte alla MotoGp, con il nuovo amministratore Markus Flasch c’è la possibilità di ampliare il reparto racing del marchio tedesco.

Flasch: “Non escludiamo la MotoGp”

Il cambio ai vertici può rappresentare una svolta per Bmw che per anni aveva deciso di non aprirsi al mondo dei prototipi della MotoGp, indirizzando i suoi sforzi su Superbike e altre competizioni. L’arrivo di Flasch sembra invece cambiare le cose, quanto meno apre ad una valutazione su un possibile futuro nella massima classe del Motomondiale a partire dal 2027, quando i regolamenti tecnici cambieranno. Lo scopo del nuovo Ceo è rafforzare Bmw nel mondo del motorsport e sono al vaglio tutte le soluzioni possibili, MotoGp compresa: “Sostengo con fermezza il Motorsport - le parole di Flasch a Motorrad - Come responsabile di Bmw non ho dubbi sul fatto che un motorsport ben fatto possa contribuire alla forza del marchio e all’entusiasmo nella nostra comunità”. Insomma, oltre a Superbike, Bmw potrebbe aprirsi ad altri scenari: “Stiamo osservando lo sviluppo del mondiale Superbike e se è giusto per noi come piste, calendario e tecnologia e stiamo decidendo se rimarrà il nostro unico impegno assieme al campionato del mondo endurance”.

E tra l’altro Bmw conosce bene il mondo della MotoGp essendo partner da tanti anni a livello di auto a disposizione dell’organizzazione. Insomma, i rapporti sono solidi e si tratta di capire se un ingresso in MotoGp possa servire al brand Bmw per espandersi ulteriormente: “Non abbiamo preclusioni verso una serie o l’altra - ancora Flasch - Il mondiale Superbike non è la nostra unica opzione e come Bmw siamo partner auto della MotoGp da tanti anni. Io stesso sono stato a tutte le gare e conosco i responsabili, ma per noi deve avere un senso ed è l’aspetto che valutiamo con attenzione. Non escludo nulla”. Si tratterebbe, comunque, di un ingresso eventuale dal 2027 quando le moto passeranno a 850 cc e con una aerodinamica meno ingombrante.

Intanto, dopo la vittoria di Bagnaia il 10 marzo a Lusail in Qatar, il campionato MotoGp si appresta a vivere il secondo appuntamento del mondiale dal 22 al 24 marzo a Portimao in Portogallo. Si correrà in orari tradizionali europei con gara Moto3 domenica alle 12, gara Moto2 alle 13.15 e gara MotoGp alle 15. Sarà un fine settimana molto intenso per i motori con anche il gran premio d’Australia di Formula 1.

Leggi anche - MotoGp, Ducati domina la scena in Qatar

Continua a leggere tutte le notizie di sport su