Basket Eurolega: un eroico Belinelli non basta, la Virtus cede al Monaco

James e Loyd guidano i monegaschi al successo alla Segafredo Arena

di DAVIDE BASELICE -
9 febbraio 2024
Marco Belinelli, stella della Virtus Bologna
Marco Belinelli, stella della Virtus Bologna

Bologna, 9 febbraio 2024 – Passo falso casalingo per la Virtus Segafredo Bologna che nella ventiseiesima giornata di regular season di Eurolega viene sconfitta per 78-81 dal Monaco. Una sconfitta non indifferente per la compagine allenata da Luca Banchi che perde un importante duello in chiave terzo posto per la classifica generale di Eurolega. Il duo Jordan Loyd, autore di ventiquattro punti, e l’immancabile Mike James (21) sono i trascinatori per la compagine monegasca che inanella la quinta vittoria consecutiva e si conferma una delle certezze della competizione. I padroni di casa, che conservano il vantaggio negli scontri diretti grazie al successo dell’andata, sono capaci di riaprire una partita che all’intervallo li ha visti in ritardo di dieci lunghezze. L’esperienza e la bravura dell’evergreen Marco Belinelli (21 con 5/9 nelle triple) hanno permesso nella ripresa la rimonta e concedersi la chance di arrivare ad accarezzare il successo nel quarto periodo prima di vedersi respingere dal ferro nel finale il tentativo dell’ennesimo miracolo che stava realizzando Lundberg.

Beli è il protagonista della rimonta

In una Segafredo Arena sold out per l’occasione, Bologna deve rinunciare a Devontae Cock. La partenza è tutta nel segno di Jordan Loyd che iscrive a referto i primi cinque punti della sua squadra. I bianconeri cercano di tenersi a contatto: Shengelia con la bimane di mano sinistra regala il primo vantaggio (10-9). La Virtus paga le evidenti percentuali disastrose al tiro dai 6.75 metri consentendo a Monaco di avere l’inerzia in mano. Lo stesso James, con un isolamento, regala le cinque lunghezze di vantaggio (12-17). Okobo con due canestri ravvicinati fissa sul 16-21 il punteggio al suono della prima sirena. Il campanello d’allarme per i felsinei scatta in avvio di seconda frazione quando Monaco vola sul + 10 (16-26) col solito Loyd che produce un altro personale break. La forbice si allarga ulteriormente col +16 siglato nel momento di maggior difficoltà per il roster di Luca Banchi. Ed è qui che arriva l’ora di Belinelli che in un amen s’inventa otto punti personali compreso un gioco da tre punti che vale il 35-45. Al rientro dagli spogliatoi la guardia ex San Antonio Spurs conserva la mano caldo ed insacca altre due bombe che riapre completamente la contesa. Monaco si sblocca in attacco grazie ad un tiro libero arrivato dopo quattro giri di lancette. L’ex Jaiteh fa sentire tutta la propria presenza nel pitturato e permette ai francesi di respirare. Mickey si esalta con una tripla e fallo incassato che scalda la platea presente: 58-62 al 31’. Monaco cerca di scappare nuovamente ed ancora Mickey è glaciale dalla lunetta riducendo ad un solo divario fra le due sfidanti. Polonara dall’angolo piazza la bomba del momentaneo + 1 (69-68). James s’inventa quattro punti di fila mentre Shengelia sigla il 78-77. Ancora James ci mette lo zampino dalla linea della carità. Lundberg sbaglia una tripla piedi per terra. Un errore che obbliga Bologna ad alzare bandiera bianca sancito dal tiro libero di John Brown, vecchia conoscenza italiana ai tempi di Brindisi.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su