Nba, fanno festa entrambe le squadre di Los Angeles. Cleveland seconda a Est

I Clippers battono Atlanta, i Lakers fanno lo stesso con Charlotte. Phila (senza Embiid) cade ancora, mentre prova a risalire la china Golden State

di FRANCESCO BOCCHINI -
6 febbraio 2024
Leonard in azione
Leonard in azione

Milano, 6 febbraio 2024 - Sorridono entrambe le sponde di Los Angeles nella notte italiana. I Clippers, terza forza della Western Conference ad un solo successo di distanza dalla vetta occupata da Oklahoma City e Minnesota, ottengono la quarta vittoria consecutiva sul campo di Atlanta al termine di una partita ad altissimo punteggio, come testimoniato dal risultato finale: 149-144 in favore degli ospiti. Leonard e Harden combinano per 66 punti (per il "Barba" anche 10 assist), mentre agli Hawks non bastano i 27 punti di Hunter e la doppia doppia da 25 punti e 12 assist di Young. Conquistano invece il terzo successo in fila i Lakers, che confermano la loro posizione in zona play-in. I gialloviola espugnano il parquet di Charlotte con il punteggio di 124-118, nonostante le prestazioni fra le file degli Hornets di Bridges e di Miller, che chiudono rispettivamente con 41 e 33 punti. Sono Russell, Davis e LeBron James a trascinare i viaggianti: il primo realizza 28 punti, il secondo firma una tripla doppia da 26 punti, 15 rimbalzi e 11 assist, e il terzo aggiunge 26 punti. 

Curry decisivo per Golden State

Tentano di risalire la china a Ovest i Golden State Warriors. Colpo "on the road" anche per I Dubs, che mandano al tappeto Brooklyn grazie in particolar modo ai 29 punti di Curry e ai 28 di Kuminga. Ottimo anche l'apporto di Podziemski: per lui una doppia doppia da 15 punti e 11 rimbalzi. Per le speranze dei Nets, sconfitti 109-98, non sono sufficienti i 18 punti di Thomas. Alla truppa di coach Kerr servirà trovare la continuità mancata finora per sperare di agguantare quantomeno il play-in.

Phila giù, Cleveland sempre più su

Quel play-in al quale sarebbe qualificata Dallas se la stagione regolare terminasse oggi. I Mavericks battono Philadelphia (priva di Embiid) per 118-102 e le infligge la sesta sconfitta nelle ultime sette uscite. A guidare i Mavericks verso la vittoria sono Irving e Green, a bersaglio rispettivamente con 23 e 20 punti. Con questo passo falso, i Sixers scivolano al quinto posto nella graduatoria della Eastern Conference, dove in seconda posizione troviamo Cleveland. I Cavaliers hanno ragione di Sacramento per 136-110, con la coppia Mithell-Strus che conclude la sfida a quota 51 punti. Sul fronte Kings, da segnalare la 15esima tripla doppia stagionale di Sabonis (12 punti, 19 rimbalzi e 15 assist), che pareggia il primato nella lega di Jokic. A completare il quadro dei risultati della notte c'è l'affermazione per 138-100 dei New Orleans Pelicans ai danni dei Toronto Raptors. Il protagonista del match è Ingram, che sigla 41 punti. 

Leggi anche: Virtus Bologna travolgente a Treviso

Continua a leggere tutte le notizie di sport su