Nba, Jokic e Wembanyama storici. I Thunder sconfiggono i Clippers

Anche Curry e Doncic grandi protagonisti della notte Nba. Fontecchio segna 14 punti, ma Detroit perde a Indiana

di FRANCESCO BOCCHINI -
23 febbraio 2024
Nikola Jokic

epa11138464 Denver Nuggets center Nikola Jokic (R) looks to pass the ball against Los Angeles Lakers forward Anthony Davis (L) and Los Angeles Lakers guard Austin Reaves (C) during the second half of the NBA basketball game between the Denver Nuggets and the Los Angeles Lakers in Los Angeles, California USA, 08 February 2024.

Milano, 23 febbraio 2024 – Dopo la pausa dovuta all'edizione 2024 dell'All Star Game Weekend, è ripartita la stagione Nba. E subito si è guadagnato le luci della ribalta con una prestazione storica Jokic. Il centro serbo dei Denver Nuggets, che hanno mandato al tappeto per 130-110 i Washington Wizards, ha concluso la contesa con una tripla doppia (la numero 16 in questa annata) da 21 punti, 19 rimbalzi e 15 assist. E fin qui la notizia non c'è. A far rumore è stato il dato della percentuale al tiro del 100%. Prima dell'Mvp delle scorse Finals, solo Russell Westbrook e LeBron James erano riusciti a firmare una tripla doppia senza sbagliare neppure un tiro. Da un super europeo ad uno che sta rispettando le altissime attese. A Sacramento, Wembanyama è diventato il terzo giocatore più veloce di sempre a raggiungere quota 1.000 punti, 500 rimbalzi e 150 stoppate in carriera. Meglio di lui hanno fatto solo Shaquille O'Neal e David Robinson. Nonostante la performance da 19 punti e 13 rimbalzi del francese, e quella da 32 punti di Vassell, i San Antonio Spurs si sono dovuti arrendere per 127-122 ai Kings di Fox (28 punti) e Sabonis (22 punti, 11 rimbalzi e altrettanti assist). 

Thunder meglio dei Clippers, Curry e Doncic stendono Lakers e Mavs

Il big match della Eastern Conference fra Oklahoma City (seconda forza) e i Clippers (terzi) se lo sono aggiudicati i Thunder con il punteggio di 129-107. Il protagonista della sfida è risultato essere Gilgeous-Alexander, autore di 31 punti, mentre dall'altra parte il miglior marcatore è stato con 20 punti Leonard. Piange anche l'altra franchigia di Los Angeles: i Lakers sono usciti sconfitti dal confronto in casa dei Golden State Warriors per 128-110, travolti da un Curry da 32 punti. Privi di LeBron James (out per il problema alla caviglia), i gialloviola si sono aggrappati soprattutto ad un Davis in doppia doppia da 27 punti e 15 rimbalzi, ma non è stato sufficiente. Così come non è stato sufficiente il contributo di Booker (35 punti) ai Phoenix Suns per sconfiggere i Dallas Mavericks, guidati al successo per 123-113 dal solito Doncic. Lo sloveno ha sfiorato la tripla doppia, mettendo a referto 41 punti, distribuendo 11 assist e catturando 9 rimbalzi. 

Fontecchio in doppia cifra 

Stanno confermando il miglior record della lega i Boston Celtics, che hanno espugnato il parquet dei Chicago Bulls per 129-112, con White e Tatum a combinare per 53 punti. Quattordici invece quelli di Fontecchio nel ko per 129-115 dei suoi Detroit Pistons sul campo degli Indiana Pacers, condotti alla vittoria dalla doppia doppia da 25 punti e 13 assist di Haliburton. Colpo di New York a Philadelphia: nonostante i 35 punti di Maxey, i Sixers si sono dovuti arrendere per 110-96. Per i Knicks, da registrare le doppie doppie di Brunson (21 punti e 12 assist) e Hart (18 punti e 12 rimbalzi). Affermazione in trasferta pure per gli Orlando Magic, che hanno battuto per 116-109 i Cleveland Cavaliers. A completare il quadro dei risultati ecco New Orleans Pelicans-Houston Rockets 127-105, Toronto Raptors-Brooklyn Nets 121-93 e Utah Jazz-Charlotte Hornets 107-115.

Leggi anche: Basket, qualificazioni Europei 2025: l’Italia parte col piede giusto, Turchia al tappeto

Continua a leggere tutte le notizie di sport su