Banchi avverte la Virtus. "Mannion ha cambiato Varese. Adesso è una squadra al top. E noi dovremo curare i dettagli»

Serie A Ore 17 a Masnago: bianconeri in campo dopo la rimonta contro i francesi di Villeurbanne. Ancora out Dobric e Shengelia, toccherà nuovamente a Mickey e Polonara. Una chance per Lomazs.

di ALESSANDRO GALLO -
21 gennaio 2024
"Mannion ha cambiato Varese. Adesso è una squadra al top. E noi dovremo curare i dettagli"
"Mannion ha cambiato Varese. Adesso è una squadra al top. E noi dovremo curare i dettagli"

Il primo a non fidarsi della classifica, è Luca Banchi, coach della Virtus. Si gioca alle 17 (diretta Dazn), a Masnago, contro una Varese che, rispetto alle prime uscite è cambiata parecchio.

E che da quando ha inserito Nico Mannion, che la Virtus conosce bene, per averlo avuto nelle ultime due stagioni, ha svoltato. Nico, che pure a Vitoria, con la maglia Baskonia, non era riuscito a far valere quel talento ammirato tante volte in Nazionale, fin qui ha giocato quattro gare con i nuovi colori e con numeri da favola. Per Mannion 24 punti di media (con un top di 30) e 5,5 assist a gara. Ma sono le percentuali di realizzazione che fanno tutta la differenza del mondo: 92 per cento ai liberi, 54,9 da due e 48,2 da tre.

Con Scariolo, nelle due stagioni in bianconero, il feeling non è mai sbocciato tanto che, a un certo punto, la Virtus si è cautelata ingaggiando Daniele Hackett (e Toko Shengelia, entrambi in uscita dal Cska Mosca). Nico avrà il dente avvelenato: Hackett e Pajola, che lo conoscono molto bene, avranno il compito di metterlo in difficoltà.

Non è un caso che, proprio di Mannion, parli il coach bianconero. "Varese è una squadra che si sta distinguendo per l’unicità del proprio sistema di gioco – dice Banchi –, esaltata dal recente arrivo di Spencer, Young e soprattutto di Mannion che ha portato la squadra al livello di rendimento vicini ai top team del nostro campionato. Sarà estremamente stimolante riuscire a interpretare questo match dimostrando di avere cura di dettagli tecnici, tattici ed emotivi che avranno un ruolo decisivo sull’esito di una gara, che si preannuncia impegnativa". Indisponibili sempre Dobric, Cacok (in un video ha raccontato perché dovrà operarsi) e Shengelia, la Virtus dovrà stringere i denti, dopo aver ribaltato, in modo brillante, ma altrettanto dispendioso, l’Asvel Villeurbanne. Rispetto al confronto di Eurolega, poi, cambia un aspetto tutt’altro che trascurabile.

Alla Segafredo Arena, la spinta e il calore dei tifosi bianconeri si fanno sentire, a Masnago ci saranno i sostenitori di Mannion e compagni. Tantopiù che la trasferta, per motivi di ordine pubblico, è stata vietata ai residenti in provincia di Bologna.

Senza Shengelia nuove opportunità tanto per Jordan Mickey quanto per Achille Polonara, il cui atletismo, dopo lo stop per l’intervento di inizio ottobre, sta prepotentemente tornando.

All’appello, a questo punto, oltre a un miglior Ante Zizic (per un lungo i tempi... si allungano di solito) mancherebbe il solo Rihards Lomazs. Ma essendo un ragazzo ben conosciuto da Banchi, anche in questo caso si tratta solo di aspettare con fiducia

Arbitrano Begnis, Valzani e Lucotti.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su