Impresa Virtus Lundberg gela la Stark Arena

Dopo il 2-0 Partizan, Belinelli e compagni sempre avanti con personalità. Negli ultimi secondi errori di Punter e Kaminsky

di MASSIMO SELLERI -
29 dicembre 2023
Impresa Virtus Lundberg gela la Stark Arena
Impresa Virtus Lundberg gela la Stark Arena

Partizan Belgrado

75

Virtus Bologna

77

PARTIZAN BELGRADO: Vukcevic, Leday 5, Koprivica ne, Punter 12, Jaramaz 12, Nunnally 19, Andjusic, Dozier 5, Ponitka 2, Kaminsky 10, Caboclo 10. All. Obradovic.

SEGAFREDI BOLOGNA: Cordinier 9, Lundberg 16, Belinelli 14, Pajola 1, Dobric, Mascolo ne, Cacok 4, Shengelia 10, Hackett 10, Polonara, Dunston 3, Abass 10. All. Banchi.

Arbitri: Mogulkoc, Sukys, Udyanskyy.

Note: parziali 18-23; 36-41; 55-60. Tiri da due: Belgrado 20/34; Virtus Bologna 16/26. Tiri da tre: 8/26; 10/28. Tiri liberi: 11/17; 15/15. Rimbalzi: 32; 28.

BELGRADO (Serbia)

Con una prestazione fantastica la Virtus sbanca la Stark Arena e chiude il girone d’andata di Eurolega con un altrettanto fantastico secondo posto. Qualsiasi altro aggettivo risulterebbe riduttivo per una squadra che pur giocando davanti a ventimila scatenati tifosi conduce la partita dall’inizio alla fine e che stando ai pronostici della vigilia doveva recitare un ruolo di comparsa e, invece, si trova dietro solo al Real Madrid.

Nessuno ha fatto i conti con l’orgoglio e il cuore di questi giocatori da Daniel Hackett, che torna in campo e segna un canestro decisivo nonostante si sia infortunato alla caviglia destra nel terzo quarto, a Iffe Lundberg che la società che per ragioni economiche avrebbe preferito mandare altrove e che, una volta chiarita la situazione, continua a stupire.

In mezzo c’è la solita tenacia di Shengelia, e poi ci sono due uomini come Belinelli e Dunston che fanno capire che la loro età non è un limite. Più giocatori della Segafredo citi e più ti rendi conto di fare un torto a qualcuno perché pure la freddezza di Abi Abass e il lavoro difensivo di Isaia Cordinier meriterebbero una citazione approfondita a dimostrazione di come questa sia stata una vittoria di squadra.

La V nera tocca due volte il +13, l’ultima volta a 7’41’’ dalla fine del terzo quarto. Da qui inizia la reazione del Partizan che arriva fino al -1 con il tabellone che indica il punteggio di 72-73 quando restano da giocare 1’11’’.

Canestro di Lundberg a cui risponde subito Punter con un 2/2 ai liberi. Tocca poi a Belinelli andare in lunetta, 74-77. Nuovo ribaltamento, con Punter che guadagna due liberi a 4’’ dalla fine. Dentro il primo fuori il secondo, la palla resta nelle mani serbe con Kaminsky che sbaglia la tripla della vittoria. Domani la Virtus alla Segafredo Arena contro Pesaro.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su