Medaglia d’oro all’Atalanta per l’Europa League, Gasperini: “La gioia più grande è aver regalato questa felicità alla gente”

Bergamo, consegnato dal sindaco Gori la massima onorificenza municipale. Il presidente Antonio Percassi: “I bergamaschi sono troppo forti, siamo troppo forti”

di FABRIZIO CARCANO -
31 maggio 2024
Il sindaco Gori consegna la targa a Gasperini

Il sindaco Gori consegna la targa a Gasperini

L’Atalanta continua a fare incetta di premi e riconoscimenti. Martedì il Global Soccer Awards, mercoledì la Rosa Camuna in Regione Lombardia, stamattina la medaglia d’oro della Città di Bergamo, la massima onorificenza municipale. A consegnarla il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, nel palazzo comunale, Palazzo Frizzoni, durante una seduta straordinaria del consiglio comunale cittadino. “L’Atalanta non era mai stata insignita della massima onorificenza civica. La premiamo per ciò che ha rappresentato per la nostra città e il nostro territorio, ha dato lustro alla città. Ci avete fatto sentire fieri di essere bergamaschi", ha spiegato durante la premiazione il primo cittadino orobico.

Giocatori dell'Atalanta all'uscita da Palazzo Frizzoni
Giocatori dell'Atalanta all'uscita da Palazzo Frizzoni

Ricordando che “L’Atalanta ha aiutato la città a cambiare, metafora di una città di provincia che ad un certo giorno, senza smettere di avere i piedi per terra ha saputo pensarsi europea. Ha dato energia alla città per risollevarsi nei momenti difficili, dicendo che risollevarsi è un dovere". Emozionato e soddisfatto il presidente Antonio Percassi: “Nel mondo parlano dell’Atalanta. Abbiamo ricevuto commenti pazzeschi. E' la città che viene a conoscenza di quello che è il mondo. I bergamaschi sono troppo forti, siamo troppo forti”.

Sottolineando come i successi atalantini partano sempre dalla base: “La nostra forza parte da Zingonia dove abbiamo fatto investimenti importanti, con un personale fantastico che lavora per dare il meglio ai giocatori: è anche grazie a loro che abbiamo raggiunto questo risultato". Chiosa del tecnico Gian Piero Gasperini: “L'obiettivo Europa League è arrivato all'improvviso negli ultimi mesi. Alla fine ci siamo resi conto che dietro di noi c'era una felicità enorme, ed è stato quello che ci ha dato più piacere, aver regalato una soddisfazione incredibile alla gente. Per noi questo è stato il più grande successo, vedere la gente che ti abbraccia".

Continua a leggere tutte le notizie di sport su