Atalanta, dopo la sosta Gasperini ritroverà in difesa “El General’ Palomino

Il 33enne difensore argentino si era fermato a maggio dopo un grave infortunio muscolare

di FABRIZIO CARCANO -
5 settembre 2023
Il difensore argentino Palomino

Il difensore argentino Palomino

El General sta tornando. Anzi, è già tornato. Sabato sera nei minuti finali della sfida casalinga contro il Monza il tecnico nerazzurro Gian Piero Gasperini ha rimandato in campo il ritrovato Jose’ Luis Palomino, classe 1990, il ‘vecchio’ del gruppo, veterano da 214 presenze e 9 gol in sei anni a Bergamo, fermo da inizio maggio per un grave infortunio muscolare subito nella gara casalinga contro lo Spezia: il tucumano, mentre inseguiva il colombiano Agudelo lanciato in contropiede, si era bloccato per una lesione del muscolo/tendineo di terzo grado con riscontrata rottura del tendine distale del muscolo semitendinoso destro. Chiudendo così anticipatamente un’annata da dimenticare per il centrale di San Tucuman, bloccato prima per quattro mesi, da luglio a novembre, per una sospensione cautelare decisa dall’antidoping dopo un controllo estivo che aveva rivelato una positività, poi giudicata involontaria, al clostebol. Quattro mesi di sospensione cautelare, il treno dei Mondiali perduto, prima di essere completamente scagionato a inizio novembre, troppo tardi per volare in Qatar con la sua Argentina. Poi il 15 gennaio, contro la Juventus, una lesione muscolare al bicipite femorale per un nuovo stop di un mese prima di un nuovo infortunio agli adduttori a marzo: alla fine per il 33enne argentino appena 15 presenze (con una rete segnata all’Inter nella partita del rientro il 13 novembre) e appena 756 minuti disputati. El General, con la sua ‘garra’, ha trascorso l’estate lavorando duramente per il percorso riabilitativo studiato con lo staff medico e atletico, tornando in gruppo già a fine agosto. L’Atalanta sul mercato stava cercando un difensore centrale, aveva trattato i 24enni Buongiorno del Torino e Hien del Verona, ma alla fine il rinforzo difensivo lo aveva già in casa. Palomino, 34 anni a gennaio, giocatore con esperienze anche in Francia e in Bulgaria con il Metz ed il Ludogorets, adesso sfrutterà questa sosta per le nazionali per riportarsi in pari con i compagni e dalla ripresa, dalla trasferta a Firenze, potrà giocarsi un posto da titolare in difesa con gli altri veterani, con Toloi, anche lui rientrante dopo un risentimento ai flessori, e Djimsiti, cui si è aggiunto il gladiatore Kolasinac, altro trentenne che in quanto a ‘garra’ non ha nulla da invidiare al tucumano. Gasperini avrà l’imbarazzo della scelta, ma con il doppio impegno dell’Europa League e 5 partite in 15 giorni ci sarà bisogno di tutti in difesa, soprattutto di uno come Palomino.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su