Bologna, con Ndoye puoi rimettere il turbo. Intanto Orsolini e Saelemaekers scalpitano

Lo svizzero aumenta i carichi: corre verso la convocazione con il Lecce. Il suo momento migliore era coinciso con il quarto posto

di MARCELLO GIORDANO -
7 febbraio 2024
Bologna, con Ndoye puoi rimettere il turbo. Intanto Orsolini e Saelemaekers scalpitano
Bologna, con Ndoye puoi rimettere il turbo. Intanto Orsolini e Saelemaekers scalpitano

E’ tornato Dan Ndoye: il Bologna prova a rimettere il turbo e può rimettere le ali. Si era fermato sul più bello, l’esterno. Il suo momento migliore era coinciso con quello del Bologna: sempre titolare contro Torino, Lecce, Salernitana, Roma e Atalanta e con lui sull’esterno destro complice l’assenza per infortunio di Orsolini, il Bologna ha infilato 4 vittorie e un pareggio issandosi al quarto posto solitario.

Ci ha messo due assist contro la Roma, diversi gol sfiorati e pure quello che ha segnato l’impresa in Coppa Italia contro l’Inter.

Titolare sì in assenza di Orsolini, ma non obbligato come dimostra la storia recente, che ha visto il numero 7 Orso partire dalla panchina nonostante l’assenza dello svizzero.

Senza Ndoye, nelle ultime cinque gare, sono arrivate due sconfitte, due pari e l’ultima vittoria con il Sassuolo: ora che il Bologna affronta più spesso squadre chiuse, la sua capacità di saltare l’uomo, rompere gli schemi e creare superiorità numerica è fondamentale. E fondamentale è avere rotazioni per Thiago: specie con i 5 cambi, come ha dimostrato la partita con il Sassuolo, dove il tecnico ha tenuto Saelemaekers e Orsolini in panchina convinto della loro capacità di spaccare la partita entrando in corsa. In tal senso il rientro di Ndoye, può aiutare Saelemaekers e Orsolini: già perché con il ritorno in gruppo di Karlsson, ora Thiago ha un cambio per giocatore sulle corsie d’attacco.

Nodye è rientrato ieri in gruppo e oggi aumenterà i carichi e farà alcuni esercizi specifici per aiutare lo staff tecnico a capire quanto possano spingere su di lui. Quasi certo il ritorno dello svizzero tra i convocati domenica con il Lecce, ma si vuole capire se sia già brillante per una maglia da titolare. Difficile, specie dopo un mese e mezzo di stop per lo strappo ai flessori della coscia destra, anche perché Motta mai ha proposto titolare un giocatore di rientro da un lungo stop.

Salgono le quotazioni di Saelemaekers, che dopo il gol al Sassuolo è il candidato numero uno per la maglia di esterno sinistro. A meno che Motta non preferisca schierarlo a destra, sul piede naturale, con Urbanski a sinistra, che dovrebbe essere favorito su Karlsson, per il quale un gruppo della curva ha esposto uno striscione invocandone la presenza contro il Sassuolo: ma dopo due mesi e mezzo ai box per la lesione del legamento collaterale del ginocchio e due settimane in gruppo, è più facile che lo svedese parta di rincorsa.

Infine Orsolini, che Thiago ha preferito impiegare per spaccare le partite. Il ritorno di Ndoye, però, potrebbe giocare a suo favore per una maglia da titolare: perché ora Thiago ha abbondanza. E un uomo in più lo ha ritrovato in mediana, con il rientro di El Azzouzi, reduce dalla Coppa d’Africa.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su