Motta dopo il pari del Bologna con l’Inter: “Orgoglioso, partita di altissimo livello”

Il tecnico felice per il 2-2 in doppia rimonta maturato a San Siro: “I ragazzi hanno capito che bisogna lottare e combattere insieme”

di GIACOMO GUIZZARDI -
7 ottobre 2023
Thiago Motta nel match contro l'Inter

Thiago Motta nel match contro l'Inter

Bologna, 7 ottobre 2023 – "I ragazzi hanno capito che bisogna lottare e combattere insieme". Lo ha capito eccome il Bologna, che esce da San Siro a testa alta e con un 2 a 2 in tasca che gli permette di allungare la striscia positiva. Dettami di Thiago Motta, dunque, compresi più che bene, come spiega il tecnico a fine gara:

"Non è facile su un campo così controllare le emozioni, merito di questi giocatori. Per i nostri tifosi, al di là del risultato, credo sia bello tornare a casa in questa maniera, orgogliosi. Complimenti all'Inter e alla nostra squadra, partita di altissimo livello".

Serie A: classifica e risultati

Alto livello che può portare il Bologna lontano: "L'obiettivo è quello di migliorare sempre, di sfidare noi stessi a ogni allenamento. Avere l'esigenza del lavoro e del gioco, e anche del risultato. Oggi abbiamo avuto tutto. Sono orgoglioso di questo gruppo".

Sui singoli, come spesso accade ultimamente, solo applausi e sorrisi: "Ferguson? Stiamo parlando troppo di Lewis, questo ragazzo va tenuto nascosto (ride, ndr). Sa fare bene tutto. Da oggi in poi di lui non parlo più, me lo voglio tenere stretto tantissimo tempo".

Mentre su Calafiori, anche oggi autore di una prestazione di livello, Thiago ha ben poco da dire: "Da quando è entrato ha dimostrato personalità e ha trasmesso fiducia ai compagni. Parlando poco si è rivelato un esempio, infonde convinzione nel gioco. Adesso andrà in Nazionale, gli auguriamo vada tutto bene".

Lo stesso Calafiori, atteso dagli impegni con l'Italia Under 21, ha commentato così la sua prestazione: "Eravamo preparati allo sprint dell’Inter nei primi 20/25 minuti, avremmo dovuto cercare di non subire gol ma siamo rimasti con la testa in partita e la nostra forza è stata crederci fino alla fine. All’intervallo sul 2-1 Thiago Motta ci ha detto di fare meglio con la palla e cercare di riprendere la gara che era ancora aperta ed è quello che abbiamo fatto. L’Inter è una grande squadra ma noi siamo rimasti uniti e dopo averla ripresa abbiamo fatto un gioco più difensivo. Portiamo a casa un pareggio di carattere, anche chi è subentrato si è fatto trovare pronto, dimostrazione che siamo un gruppo coeso".

A fine gara ha parlato anche Zirkzee ai microfoni di Dazn: "Sto bene, nessun problema: nel finale ho avuto i crampi a entrambe le gambe, mi sono detto che era meglio uscire e far entrare Sidney che era più fresco e ha dimostrato di essere pronto. Il gol? Ho ricevuto la palla da Lewis, sapevo di avere Orso a destra, ma l’istinto mi ha detto di tirare. Dovrei tirare più spesso, in fondo sono un attaccante. Mi sento bene con questa maglia numero 9, poi oggi segnare a San Siro contro una squadra come l’Inter sotto al settore de nostri tifosi è stata un’emozione incredibile. Stiamo facendo un grande lavoro di squadra, a parte il Milan nessuno è riuscito a batterci, dobbiamo continuare così".

Continua a leggere tutte le notizie di sport su