Brescia in serie B, oggi la sentenza: Cellino è sicuro e rinforza la squadra

Il Consiglio di Stato deciderà il destino della società. Solo Reggina e Perugia sperano in un ribaltone

30 agosto 2023
Massimo Cellino, presidente del Brescia

Massimo Cellino, presidente del Brescia

Dopo due mesi d’ìmmobilismo, Cellino è pronto a scatenarsi sul mercato. Dal Consiglio di Stato di ieri ha ricavato quelle sensazioni più che positive che andava cercando e che oggi quasi certamente verrà certificate con la nuova bocciatura della Reggina e la riammissione del Brescia in serie B.

Dopo Bjarnason (nei giorni scorsi) e Besaggio (ufficializzato proprio mentre era in corsa il Consiglio di stato), Cellino ha praticamente chiuso per Dickmann. La Spal ha cercato di mettere nel pacchetto anche il terzino sinistro Celia, ma per ora al Brescia non interessa perché l’obiettivo è lanciare Riviera come cambio di Huard, ma non è detto che nelle ultime ore non si riesca a prendere anche un altro terzino.

Pace è a un passo dalla Casertana. Per l’attacco è sempre più vicino Gondo, che la Cremonese non ha convocato per la trasferta di Terni. Ma c’è di più: il Brescia ha messo le mani anche su Moncini del Benevento.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su