Dele Alli racconta il suo inferno: “Ho subito abusi a sei anni, a otto spacciavo droga”

Il centrocampista dell’Everton si racconta nel podcast di Gary Neville: “Ho superato una dipendenza da sonniferi, mi sono curato in una clinica negli Stati Uniti”. Il tweet di Harry Kane: “Orgoglioso di te”

13 luglio 2023
Il centrocampista inglese Dele Alli
Il centrocampista inglese Dele Alli

Londra, 13 agosto 2023 – L’inferno di Dele Alli. Il centrocampista dell'Everton ha rivelato di aver subito abusi sessuali all'età di sei anni e di aver spacciato droga due anni dopo, mentre una recente lotta contro una dipendenza da sonniferi lo ha portato a un soggiorno di sei settimane in una clinica di riabilitazione.

Il giocatore ha visto la sua carriera calcistica fermarsi nelle ultime stagioni, ma ora ha parlato delle ragioni dietro una battaglia di salute mentale che lo ha portato a pensare di appendere le scarpe al chiodo all'età di 24 anni. In una emozionante intervista, il nazionale inglese ha trattenuto le lacrime mentre metteva a nudo la sua difficile educazione prima di essere adottato dalla famiglia Hickford, dicendo di essere stato "molestato" all'età di sei anni.

Parlando con Gary Neville nel podcast The Overlap, Alli ha dichiarato: "Mia madre era un'alcolizzata. Sono stato mandato in Africa (per stare con suo padre) per imparare la disciplina e poi sono stato rimandato indietro. A sette anni ho iniziato a fumare, a otto ho iniziato a spacciare droga. A undici sono stato appeso a un ponte da un tizio della tenuta accanto. A dodici, sono stato adottato - e da allora sono stato in una famiglia fantastica - non avrei potuto chiedere a persone migliori. Ci sono state diverse volte in cui la mia famiglia adottiva e mio fratello mi portavano in stanze a piangere, chiedendomi solo di parlare con loro, dire loro cosa stavo pensando, come stavo a livello sentimentale, e non potevo farlo perché volevo affrontarlo da solo".

Dopo aver firmato per il Tottenham dall'MK Dons, Alli ha goduto di un ottimo stato di forma che è culminato nel ruolo chiave nel passaggio dell'Inghilterra alle semifinali della Coppa del Mondo nel 2018. Ma Alli stava ancora combattendo in silenzio fuori dal campo, con una dipendenza "spaventosa" dai sonniferi e all'alcol. "Sono diventato dipendente dai sonniferi ed è probabilmente un problema che non ho solo io, penso che sia qualcosa che sta circolando più di quanto la gente creda nel calcio", ha detto. "Non voglio parlare di numeri, ma era decisamente troppo, e ci sono stati dei momenti spaventosi che ho avuto. Prendere un sonnifero ed essere pronti per il giorno dopo va bene, ma quando sei a pezzi come me, può ovviamente avere l'effetto opposto perché funziona per i problemi che vuoi affrontare. È spaventoso, ora ne sono fuori e ci ripenso".

Dopo aver lasciato gli Spurs per l'Everton nel 2022, Alli ha trascorso la scorsa stagione in prestito al Besiktas ma al suo ritorno in Inghilterra – con un infortunio che ha richiesto un intervento chirurgico – sapeva di aver bisogno di aiuto, ricoverandosi in una clinica negli Stati Uniti. "Quando sono tornato dalla Turchia, ho scoperto che avevo bisogno di un'operazione. Ero mentalmente in difficoltà e ho deciso di andare in una moderna struttura di riabilitazione per la salute mentale", ha detto. "Sono andato lì per sei settimane e l'Everton è stato fantastico. Mi hanno supportato al 100% e gli sarò grato per sempre. Probabilmente stavo prendendo la decisione più importante della mia vita, qualcosa che avevo paura di fare. Ma sono felice di averlo fatto e, a essere onesti, non potevo aspettarmi che andasse come è andata". Alli ha ricevuto supporto online da ex compagni di squadra tra cui Jan Vertonghen e Harry Kane. Il capitano dell'Inghilterra Kane ha twittato: "Orgoglioso di Dele Alli per aver parlato e condiviso la sua esperienza per cercare di aiutare gli altri".

Continua a leggere tutte le notizie di sport su