Premier, sorpresa Luton: è la migliore per rapporto qualità-prezzo. Monte ingaggi pari a quello del solo Haaland

L’analisi di Ticketgum sulla resa dei giocatori in rapporto agli stipendi: la neopromossa svetta, Mengi il giocatore più performante in assoluto

di FEDERICO DI MAIO -
7 febbraio 2024
Chiedozie Ogbene, 26 anni, attaccante del Luton e della nazionale irlandese
Chiedozie Ogbene, 26 anni, attaccante del Luton e della nazionale irlandese

Londra, 7 febbraio 2024 – Secondo gli esperti statistici del noto portale calcistico Ticketgum, il Luton Town primeggia per il rapporto qualità-prezzo in Premier, un aspetto ovviamente di grande importanza nell’’industria’ del calcio.

Gli esperti del portale, per giungere a stilare la loro classifica, hanno raccolto dei dati statistici molto interessanti, mettendo a rapporto i salari dei club di Premier League con le prestazioni dei propri giocatori. Il club che risulta avere il miglior rapporto qualità prezzo è per l’appunto il Luton Town, con un monte ingaggi totale pari al solo stipendio di Erling Haaland. Il giocatore con il rapporto migliore del club neo promosso nella massima serie inglese è Teden Mengi, il quale risulta avere una media di quattro respinte e quattro contrasti vinti per partita. Statistiche quasi uguali a Romero del Tottenham, con una piccola differenza; uno stipendio superiore del 94% rispetto al difensore del Luton Town.

I dati sono una grande risorsa per il calcio moderno, permettendo di fornire maggiori strumenti di valutazione per poter giudicare l’operato di squadre, società e giocatori. Ma come tutti gli strumenti, i dati devono saper essere utilizzati, il confronto tra questi due giocatori ne è un esempio. Senza nulla togliere alla buona crescita di Mengi, se si vanno a contestualizzare i suoi dati confrontati a quelli di Romero si possono trovare delle risposte. Una squadra neo promossa come il Luton Town è normale che si ritrovi nella condizione di rispondere più spesso agli assedi avversari e di conseguenza ricorrere alla fase difensiva, il contrario invece per una squadra di alta classifica come il Totthenam.

Un’analisi simile potremmo farla anche sulla valutazione che Ticketgum effettua su John Stones, difensore e ora centrocampista del Manchester City. La cosa curiosa in partenza è la valutazione di John Stones come il secondo peggior centrocampista per rapporto qualità prezzo in Premier League, con uno stipendio annuo di 13 milioni. Sicuramente il giocatore inglese ha avuto un calo rispetto alla strepitosa scorsa stagione, ma a livello statistico inserire Stones nella categoria centrocampisti rappresenta di per sé una svalutazione di un calciatore che è un difensore con qualità da centrocampista. Questo perché valutare Stones per passaggi progressivi, gol e assist non fa altro che decontestualizzare quelle che sono delle qualità aggiunte per quello che è un difensore, ma di base per quello che dovrebbe essere un centrocampista. Nonostante Stones si ritrovi spesso ad occupare spazi da centrocampista, deve essere valutato come difensore centrale.

È un po’ come se Marcelo venisse valutato come esterno di attacco a causa della sua posizione molto offensiva da terzino sinistro, di conseguenza confrontare i suoi numeri con ali sinistre di ruolo avrebbe decretato una minor efficacia del giocatore, rappresentando quindi un dato non corretto poiché decontestualizzato.

I numeri rappresentano uno strumento preziosissimo, un criterio in più per valutare i giocatori: ma tutto ciò deve essere accompagnato alle mille variabili presenti. Avere più strumenti comporta la possibilità di essere più efficaci nelle analisi, ma anche il bisogno di incrementare capacità di lettura aggiuntive rispetto al bagaglio iniziale.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su