Fiorentina, bagarre Champions League: cinque squadre in 3 punti

Vigilia della trasferta a Monza, poi fine anno col Torino. Le concorrenti sono messe peggio

di ALESSANDRO LATINI -
21 dicembre 2023

Firenze, 21 dicembre 2023 – In zona Viola Park nessuno ha mai pronunciato la parola Champions League in relazione all’obiettivo stagionale. I dirigenti viola e mister Italiano hanno sempre confermato - per quanto riguarda il campionato - di voler migliorare il settimo e l’ottavo posto raccolti dall’ex tecnico dello Spezia nella sua gestione in riva all’Arno. Il che vuol dire provare ad agganciare almeno il sesto posto. La pressione Champions, dunque, la Fiorentina sulle spalle non se la sente. Giusto così, anche se la classifica ha disegnato un’ammucchiata interessante e divertente, della quale la squadra viola è totalmente al centro.

Lo scorso anno, sempre alla 16esima giornata, le posizioni che contano era già molto ben delineate ed erano in pochi a poter sperare in un posto al sole. Quest’anno no. Bologna a quota 28, Fiorentina e Napoli 27, Atalanta 26 e Roma 25. C’è chi prevede anche una Lazio di rincorsa, attualmente però ferma a 21. C’è di più. Oggi in ballo non ci sarebbe solo il quarto posto alle spalle di Inter, Juventus e Milan, ma anche un quinto da difendere con le unghie e con i denti a livello di ranking. Molto dipenderà dal percorso europeo di quelle stesse società (tolto il Bologna).

Restando in casa viola, le prossime partite diranno molto sulla tenuta della squadra di Italiano, che per i tanti infortuni dei suoi big sta vivendo il momento più complicato della stagione. Reggere adesso vorrebbe dire affacciarsi al mercato con la possibilità di provare a salire un ulteriore gradino. Il calendario non pare proibitivo: Monza e Sassuolo in trasferta, Torino e Udinese al ‘Franchi’ prima della parentesi Supercoppa. Anche il Bologna non ha un commino super complicato, ma all’orizzonte c’è lo scontro diretto con l’Atalanta. Poi Udinese e Cagliari in trasferta, Genoa in casa. Lo stesso Napoli ha uno scontro diretto con la Roma, poi Monza e Salernitana al ‘Maradona’, oltre alla trasferta in casa del Torino. L’Atalanta di scontri diretti ne ha due, in trasferta con Bologna e Roma. Poi Lecce e Sassuolo davanti ai propri tifosi. Ma è la Roma quella con il calendario più complicato. Solo big match per gli uomini di Mourinho: nell’ordine Napoli, Juventus, Atalanta e Milan.

La squadra viola è l’unica senza scontri diretti nelle prossime quattro partite. Non poco, anche perché in diversi incroci le concorrenti si toglieranno punti a vicenda. Arriva così un periodo natalizio avvincente in ottica Champions, come non accadeva da troppo tempo. Senza pressione, come è giusto che sia. Ma con un sogno oggi un po’ più tangibile.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su