Italiano: "Bravi i ragazzi, Beltran in crescita. Finalmente si è sbloccato Sottil"

Il tecnico della Fiorentina si complimenta con la squadra: "Capita l'importanza di questa partita"

3 dicembre 2023
Vincenzo Italiano (Fotocronache Germogli)

Vincenzo Italiano (Fotocronache Germogli)

Firenze, 3 dicembre 2023 - Vincenzo Italiano si gode la vittoria contro la Salernitana, mai in discussione fin dai primissimi minuti. Partita dominata in lungo e in largo. Queste le dichiarazioni del tecnico viola: "Bravi i ragazzi, grande approccio e grande primo tempo. La partita è stata affrontata con la giusta attenzione e concentrazione. L'avevo detto, in campionato dovevamo iniziare a pedalare e rifare punti per mettere qualcosa alla nostra classifica. Lo abbiamo fatto con un'ottima prestazione, siamo andati in gol con l'attaccante e gli esterni. Abbiamo fatto la partita che andava fatta, avendo giocato anche giovedì e avendola preparata con poco tempo a disposizione. Davvero bravi ai ragazzi". C'era la sensazione che la squadra avesse sempre il pallino del gioco in mano... "Abbiamo fatto bene tutto. Rifiniture, conclusioni, abbiamo concesso poco alla Salernitana. Abbiamo lasciato spazio solo su una situazione e per poco non abbiamo subito gol. Per il resto i ragazzi hanno lavorato davvero da squadra matura e vera. In presentazione della gara glielo avevo detto: questa classifica necessitava di una prestazione di alto livello. I ragazzi hanno capito il valore di questi tre punti e sono stati bravi a interpretarla nel migliore dei modi". Come giudica la prestazione di Beltran? "Oltre al rigore ha lavorato bene, è venuto a legare il gioco permettendo alla squadra di guadagnare metri. Soprattutto nel primo tempo è stato molto bravo. Far gol aiuta, serve, è il suo primo in campionato. Sono contento anche per Sottil, finalmente. Ha avuto in precedenza tante situazioni per sbloccarsi. La giornata è positiva, noi continuiamo a lavorare cercando di migliorare quello che non sta andando per il verso giusto, soprattutto in zona gol. Quando poi rispondiamo in zona gol fa bene perché domani dobbiamo preparare un'altra gara e lo faremo con grande fiducia ed entusiasmo". Nzola si deve sbloccare, Sottil ha zittito i tifosi. Sono sintomi della pressione di Firenze? "Ce l'abbiamo tutti, l'allenatore, i calciatori e la società. Viviamo per avere queste pressioni. Dobbiamo gestirle nel migliore dei modi. Quando le risposte e le reazioni sono queste, non ci si abbatte e nasconde, vuol dire che siamo persone con un orgoglio che vogliamo mostrare a tutti. Sono contento della reazione: quando si spinge forte in allenamento l'allenatore non può abbandonare nessuno. Chi va in campo è perché merita la maglia e merita minuti". Com'è Beltran nello spogliatoio? "Ha ancora un po' di timidezza, è molto umile e chiuso. Deve maturare, il gruppo gli vuole bene e la società lo stima. L'allenatore gli sta dando grande fiducia. Arriva da un altro calcio, con abitudini diverse, ma pian piano si sta sbloccando e oggi l'ha fatto vedere". C'è grande sintonia fra la squadra e la tifoseria... "Questo stadio spinge forte, ti dà una grossa mano e ti trascina. In casa dobbiamo far valere questo dodicesimo uomo in campo e la spinta che arriva dagli spalti. Vogliamo sempre avere questo clima infuocato. Come dico sempre insieme si può mettere in difficoltà qualsiasi avversario". Alessandro Latini

Continua a leggere tutte le notizie di sport su