Genoa-Lecce 2-1, Retegui ed Ekuban la vincono in rimonta

Dopo l'iniziale vantaggio dei pugliesi targato Krstovic (che in precedenza aveva sbagliato un calcio di rigore), nella ripresa i liguri ribaltano il risultato, ottenendo il secondo successo consecutivo

di FRANCESCO BOCCHINI -
28 gennaio 2024
Genoa - Lecce
Genoa - Lecce

Genova, 28 gennaio 2024 - Vittoria preziosissima in chiave salvezza per il Genoa, che in rimonta batte il Lecce. A Marassi finisce 2-1, con le reti nella ripresa di Retegui ed Ekuban a rispondere a quella nella prima frazione di Krstovic, che in precedenza aveva sbagliato un calcio di rigore. Con questo successo (il secondo consecutivo e settimo risultato utile in fila), il Grifone sale a quota 28 punti in classifica, mentre i pugliesi restano a 21, incappando nel terzo stop consecutivo, nonché il quinto nelle ultime sei uscite. 

Le scelte dei due allenatori

Genoa (3-5-2): Martinez; De Winter, Bani, Vasquez; Sabelli, Malinovskyi, Thorsby, Strootman, Spence; Gudmundsson, Retegui. All. Alberto Gilardino. Lecce (4-3-3): Falcone; Gendrey, Baschirotto, Pongracic, Gallo; Kaba, Ramadani, Oudin; Sansone, Krstovic, Almqvist. All. Roberto D’Aversa.

Martinez ipnotizza Krstovic dal dischetto

Partenza aggressiva del Lecce: si gioca quasi esclusivamente nella metà campo del Genoa nei primi cinque minuti, anche se di vere occasioni da gol non se ne vedono. Passata la folata degli ospiti, sono i rossoblù ad attaccare e al 10' Retegui scalda di destro i guantoni di Falcone. La risposta degli uomini di D'Aversa non si fa attendere: al 16' Almqvist punta e supera Vasquez, che lo stende in area. L'arbitro Luca Pairetto non ha dubbi e fischia rigore in favore dei salentini. Sul dischetto si presenta Krstovic, che si fa ipnotizzare da Martinez, bravissimo a intuire la traiettoria del penalty. Scampato il pericolo, la truppa di Gilardino si rende pericolosa al 21' con Bani, che di testa mette paura a Falcone sugli sviluppi di un angolo. Quattro minuti più tardi è invece Gendrey a non inquadrare il bersaglio grosso. 

Lecce avanti

Al 32' cambia il risultato a Marassi: Gendrey tocca per Krstovic, che di controbalzo batte Martinez, grazie anche alla deviazione decisiva di Vasquez, nuovamente protagonista in negativo per la sua squadra. Per l'attaccante con il numero 9 sulle spalle si tratta non solo del riscatto dopo il rigore fallito, ma anche del ritorno al gol dopo un lungo digiuno (per la precisione 114 giorni). Un minuto dopo il Lecce potrebbe già raddoppiare, ma Martinez si supera sulla punizione insidiosissima di Ramadani. I viaggianti sono padroni del campo e sfiorano ancora il 2-0: prima il tentativo di Almqvist viene salvato dalla retroguardia ligure, poi sulla respinta Kaba spedisce la sfera di un niente sul fondo. La reazione del Grifone non c'è e allora si va all'intervallo con i pugliesi meritatamente in vantaggio. 

Pari rossoblù

La ripresa si apre con una doppia occasione per i locali: Malinovskyi colpisce il palo (con la conclusione dell'ucraino deviata da Baschirotto), poi sulla respinta Falcone salva i suoi dicendo di "no" a Vasquez. Il Lecce non resta a guardare e con Sansone va nuovamente vicino al raddoppio: Oudin lo smarca, ma Martinez non si fa superare dal tentativo del classe '91. Al 63' è Gudmundsson a provarci da fuori, ma la mira non è precisa. Il numero 11 del Genoa ha un'altra chance al 70', con una punizione nei pressi del limite dell'area avversaria. L'islandese calcia magistralmente, la sua esecuzione sbatte sulla traversa e tocca la linea di porta, ma il più reattivo è Retegui, che sigla l'1-1. Il pareggio dà entusiasmo al Grifone, che va ad un soffio dal 2-1 con Ekuban, la cui conclusione ravvicinata viene smanacciata miracolosamente da Falcone.

La decide Ekuban 

Gli ospiti sono in tilt e puntuale arriva il sorpasso rossoblù: il mancino deviato di Vasquez si infrange sulla traversa, poi Retegui fa la sponda di testa per Ekuban, che in acrobazia si inventa una rete meravigliosa. Seppur in difficoltà, il Lecce non intende mollare e si lancia alla disperata ricerca del 2-2, ma non si registrano chances per i giallorossi, che alzano bandiera bianca. 

Leggi anche: Coppa d'Africa, gli ottavi di domani in tv: Capo Verde-Mauritania e Senegal-Costa d'Avorio

Continua a leggere tutte le notizie di sport su