Genoa-Juventus: probabili formazioni, orario e dove vederla

Il Grifone vuole riscattare il ko con il Monza, mentre per la Vecchia Signora c'è l'opportunità di tornare in vetta, in attesa di Lazio-Inter

di FRANCESCO BOCCHINI -
15 dicembre 2023
L'esultanza di Chiesa e compagni
L'esultanza di Chiesa e compagni

Genova, 15 dicembre 2023 – Il Genoa per invertire la rotta dopo le ultime tre partite negative, nelle quali ha raccolto appena un punto. La Juventus per ottenere il terzo successo consecutivo, che le permetterebbe di tornare in vetta alla classifica, in attesa del risultato di Lazio-Inter. Allo stadio "Luigi Ferraris" di Genova va in scena il match fra rossoblù e bianconeri, che apre il programma della 16esima giornata del massimo campionato. 

Le parole di Gilardino

"Siamo arrabbiati. Abbiamo voglia di rivalsa dopo la sconfitta di Monza. E' una grande occasione questa", questo il messaggio lanciato da Alberto Gilardino alla vigilia della partita, in occasione della quale il tecnico del Grifone dovrà rinunciare quasi sicuramente a Retegui. "Ha avuto un problema nell'ultima partita e al 90% non sarà della sfida. Ipotesi falso nove? Dovremo creare qualcosa, non inventare. Ho soluzioni, anche tenendo presente che Ekuban non ha i 90 minuti nelle gambe. Poi ho alcune valutazioni da fare, come ad esempio su Malinovskyi più alto oppure Gudmundsson più basso, su Puscas. Chi scenderà in campo dovrà darmi corsa e fisicità oltre che qualità - afferma Gilardino - Il riferimento va non solo ai titolari, ma anche chi verrà in panchina, che dovrà farsi trovare pronto. Mi aspetto sempre tanto da chi subentra a gara in corso. Punti deboli della Juve? Difficile trovarne. I bianconeri hanno fisicità in tutti i reparti e pure grande tecnica. Dovremo essere bravi a pensare da squadra per creare loro qualche difficoltà, proponendo il nostro gioco con la palla a terra". 

Le dichiarazioni di Allegri 

"Bisogna prendere coscienza della gara che affronteremo a Genova. Il Genoa in casa - dice Allegri nella conferenza stampa pre partita - ha numeri di tutto rispetto, è una squadra aggressiva che gioca un buon calcio. Gilardino sta facendo un lavoro importante, troveremo anche Dragusin, De Winter e Vogliacco, tre ragazzi che sono cresciuti nella Juventus. Dovremo interpretare la partita in modo diverso rispetto alle ultime tre (Inter, Monza e Napoli, nda). Storicamente le gare contro i rossoblu sono sempre difficili: ricordo un episodio anni fa, dopo 23 minuti eravamo già sotto 3-0. Dobbiamo stare attenti, metterci al loro ritmo, è uno stadio caldo con una tifoseria che spinge. Fondamentale sarà far valere le nostre qualità". Riguardo ai calciatori che avrà a disposizione per la trasferta in Liguria, l'allenatore della Vecchia Signora racconta: "Rabiot sta bene, Kean lo abbiamo fermato per un problema pregresso alla tibia; lui è stato bravo a stringere i denti e a continuare a giocare nonostante il dolore. Ora, con quasi la totalità del gruppo a disposizione, deve curarsi per sistemare questo infortunio e starà fuori per 3-4 settimane. Per quanto riguarda il resto della squadra, ci sono tutti ad eccezione di De Sciglio che verrà reinserito gradualmente nell’anno nuovo. Anche Weah è recuperato e verrà con noi a Genova. Miretti è stato fuori per scelta tecnica, ma sta lavorando nella maniera corretta. Yildiz? Con Kean ai box, troverà sicuramente più spazio. Lui, come altri ragazzi, sta crescendo molto bene. Bisogna continuare a migliorare e aspettare il momento giusto".

I precedenti 

La Juventus è la squadra che ha battuto più volte il Genoa in Serie A: 67 successi bianconeri, 21 pareggi e 22 vittorie rossoblù. La Vecchia Signora è anche l’avversaria che ha realizzato più reti contro il Grifone nel massimo campionato (225). Le due società non pareggiano in Serie A dal 20 ottobre 2018 (1-1 con reti di Ronaldo e Bessa); da allora si sono registrati due affermazioni liguri e cinque piemontesi. Madama ha mantenuto la porta inviolata solo una volta nelle ultime otto sfide contro il Genoa nel massimo torneo, dopo che aveva collezionato sette clean sheet nelle precedenti 10. La Juventus ha vinto le ultime tre partite contro il Genoa nel girone di andata in Serie A e non arriva a quattro successi di fila nella prima parte della stagione contro i rossoblù dal periodo tra il 1964 e il 1977. L’1-0 a favore dei torinesi, finale di 12 incontri, è il punteggio più frequente tra queste due squadre in Serie A; il più recente risale al 22 gennaio 2018 (gol di Douglas Costa). Tutti gli ultimi quattro gol tra Juventus e Genoa in Serie A sono arrivati nel secondo tempo, tre di questi addirittura negli ultimi 10 minuti di gioco. Per quanto concerne i precedenti in terra genovese, la Juventus è la formazione che ha vinto più volte in trasferta contro il Genoa in Serie A, grazie a 24 successi, cui si aggiungono 11 pareggi e 20 vittorie rossoblù. Il Grifone ha realizzato almeno un gol in tutte le ultime sei partite casalinghe contro la Vecchia Signora in Serie A, dopo che era rimasto a secco in sei delle precedenti 10. Nessun pareggio nelle ultime 10 sfide al Ferraris tra Genoa e Juventus in Serie A: quattro vittorie rossoblù e sei successi bianconeri (31 gol complessivi nel periodo, 3.1 di media a match). L’ultimo segno “X” in casa del Grifone nel torneo risale all’11 marzo 2012 (0-0 in quel caso).

Le probabili formazioni

Genoa (3-5-2): Martinez; De Winter, Dragusin, Vasquez; Sabelli, Frendrup, Badelj, Thorsby, Haps; Gudmundsson, Ekuban. All. Gilardino.

Juventus (3-5-2): Szczesny; Gatti, Bremer, Danilo; Cambiaso, Mckennie, Locatelli, Rabiot, Kostic; Vlahovic, Chiesa. All. Allegri. 

La designazione arbitrale

La partita sarà arbitrata da Massa. Assistenti Colarossi e Mokhtar. Quarto ufficiale sarà Colombo. VAR Fabbri e AVAR Abbattista.

Orario e dove vedere la sfida

La sfida si disputa venerdì 15 dicembre, con calcio d'avvio in programma alle 20:45. Il match sarà trasmesso in diretta e in esclusiva da Dazn, la cui app è scaricabile sulle moderne smart tv, sulle console di gioco PlayStation (PS4 e PS5) e Xbox (One, One S, One X, Series S e Series X), oltre che su smartphone e tablet.

Leggi anche: Milan, la Champions finisce a Newcastle. I rossoneri puntano all'Europa League tra amarezza e rilancio

Continua a leggere tutte le notizie di sport su