Italiani all'estero: Vicario e Udogie battono il Brighton al 96', Farioli perde col Monaco

Dopo un'altra settimana di calcio in giro per l'Europa e non solo, ripercorriamo le prestazioni dei nostri connazionali, giocatori e allenatori, nei maggiori campionati esteri.

di KEVIN BERTONI -
13 febbraio 2024
Guglielmo Vicario, portiere Tottenham
Guglielmo Vicario, portiere Tottenham

Milano, 13 febbraio 2024 - Altra intensa settimana di calcio in archivio, con i vari campionati che sono entrati nella fase cruciale dove ogni sfida diventa decisiva per gli obiettivi e le ambizioni delle squadre.  Torna puntuale l'appuntamento con Italiani all'estero, la rubrica che ogni settimana analizza le prestazioni e i risultati dei nostri connazionali, giocatori e allenatori, impegnati nei maggiori campionati esteri.

Punto di partenza è la Premier League. In Inghilterra si è giocato il 24° turno, con il Tottenham che sabato ha battuto 2-1 il Brighton & Hove Albion. Un match che mette di fronte due tra le squadre che praticano il miglior calcio in Premier anche grazie alle idee dei rispettivi allenatori: Ange Postecoglu e Roberto De Zerbi. L'ex tecnico del Sassuolo però non era in panchina in quanto si è sottoposto a un intervento odontoiatrico che ha costretto il tecnico a rimanere a casa. Al suo posto è andato in panchina il vice Andrea Maldera, che prima di questa avventura al Brighton come braccio destro di De Zerbi, è stato per cinque anni (dal 2016 al 2021) nello staff tecnico dell'Ucraina con Shevchenko e Tassotti. Match molto equilibrato, con Vicario che in un paio di occasioni si rende protagonista e salva il Tottenham, ma al 16' il portiere ex Empoli non può nulla sul perfetto rigore di Pascal Gross che porta avanti i suoi. Udogie se la deve vedere con un cliente scomodo come Buonanotte e le continue salite offensive di Lamptey, riuscendo a fare buona guardia ma spendendo buona parte delle sue energie in fase difensiva. Il Tottenham la pareggia al 61' con Sarr, poi a giochi praticamente fatti Son imbuca per Brennan Johnson che segna il gol vittoria. Sconfitta per il Brighton che ora è a -11 dal quinto posto, quello valevole per le coppe europee. Piccola gioia per De Zerbi in un weekend scuro: la firma del giovane Ibrahim Osmanattaccante ghanese classe 2004 attualmente al Nordsjaelland. Il centravanti diventerà un giocatore dei Seagulls a partire dall'estate, ai danesi vanno 20 milioni di euro. Non entra in campo Jorginho nella vittoria per 6-0 dell'Arsenal contro il West Ham di Emerson Palmieri che, come tutti i suoi compagni, è stato spettatore non pagante della goleada dei Gunners. Chi entra, ma solo per 3' più recupero, senza incidere è Nicolò Zaniolo: l'ex Roma ha avuto pochissimo tempo per cercare, invano, di cambiare le sorti del match tra la sua Aston Villa e il Manchester United, gara terminata 1-2. Rimanendo in Inghilterra, ma scendendo di una categoria, Enzo Maresca con il suo Leicester è sempre più primo: vittoria per 1-2 in casa del Watford. Il rigore di Patson Daka e il gol di Ricardo Pereira regalano a Maresca la terza vittoria in fila, ora le Foxes sono a +11 sul Southampton secondo che però ha una partita in meno.

Settimana amara in Francia: Gattuso pareggia, Farioli perde

Nella ventunesima giornata di Ligue 1 francese non ci sono buone notizie per i nostri allenatori. Nell'anticipo di venerdì 9 l'Olympique Marsiglia di Gennaro Gattuso pareggia contro il Metz diciassettesimo. La partita al Velodrome non si era messa benissimo per i padroni di casa, visto che al 31' Gigot è stato cacciato fuori. Primo tempo dove, nonostante il rosso, il Marsiglia crea qualcosa in più, ma la situazione si sblocca solo al 56' con il gol di Moumbagna che porta avanti l'OM. La gioia dura giusto cinque minuti perché poi Udoi fa 1-1 e con questo risultato si chiude il match. L'OM ora è a -5 da Lilla quinto, con tredici giornate ancora da disputare la lotta per le coppe è apertissima. A sapere questa cosa è anche il Nizza che, dopo il tonfo per 2-3 contro il Monaco, ora deve necessariamente guardarsi le spalle perché il secondo posto non è più così sicuro. Partita dove gli uomini di Farioli subiscono la furia di un ex Juve, Denis Zakaria, che segna una doppietta. Laborde prima e Guessand poi fanno 2-2, ma al 77' Golovin segna il gol partita per la squadra del principato. Da segnalare che il Nizza è rimasto in dieci dal minuto 54 per il rosso di Dante. Ora il PSG, che ha vinto, è primo a quota 50, mentre per la Champions è lotta serratissima: Nizza 39, Monaco 38, Brest 37, Lilla e Lens 35.

Troppo Borussia per il Friburgo

In Germania, dove non si placano le proteste da parte dei tifosi di tutte le squadre per la decisione della federazione di aprire anche a investitori esteri, Grifo e il Friburgo si sono arresi al Borussia Dortmund. I gialloneri, in casa, passano 3-0 grazie alla doppietta di Donyell Malen e il gol del solito Fullkrug. Partita mai in discussione, con il Friburgo che tira giusto tre volte in porta ma senza mettere mai in difficoltà Kobel e Grifo, nei 59 minuti in cui è stato in campo, ha faticato a trovare spazi contro Ryerson sulla corsia. Ora la testa è a giovedì 15 quando il Friburgo andrà a giocare sul campo del Lens per la seconda fase di Europa League

Chiudendo con il campionato degli Emirati Arabi Uniti, tornerà in campo oggi alle ore 17 dopo la sosta Manolo Gabbiadini. L'ex Sampdoria, ora centravanti dell'Al Nasr, sarà ospite dell'Al-Wasl. I padroni di casa sono primi in classifica dopo 12 giornate con 30 punti e 0 sconfitte, mentre Gabbiadini e compagni sono 9 (su 14 squadre) con 15 punti e a +10 dalla zona retrocessione. A trascinare l'Al-Wasl c'è un nome già visti anche in Europa: Haris Seferovic, attaccante ex Benfica ed Eintracht tra le varie. Sarà dunque molto interessante la sfida a distanza con il nostro Gabbiadini che al momento è 5° nella classifica marcatori del campionato con 7 reti in dodici partite, uno in più dello svizzero Seferovic.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su