Lazio: Kamada verso la Coppa d'Asia, possibile colpo in mediana?

L'infortunio di Luis Alberto regala una chance al giapponese, ma con la Nazionale alle porte non si può escludere un sostituto

25 dicembre 2023
Daichi Kamada contro l'Atletico Madrid
Daichi Kamada contro l'Atletico Madrid

Roma 25 dicembre 2023 - I tre punti di Empoli sono stati fondamentali per tornare al successo in trasferta, due mesi dopo l'ultima volta. Una ripartenza necessaria, arrivata però a un prezzo salatissimo, visto il doppio infortunio arrivato nella fase centrale del primo tempo a Ciro Immobile prima e Luis Alberto poi. Due condizioni che destano sì preoccupazione all'ambiente, ma che al tempo stesso forniscono una chance a due dei protagonisti del mercato fin qui in ombra nella stagione laziale.

Le assenza del capitano e del numero dieci infatti aprono le porte della titolarità al Taty Castellanos e a Daichi Kamada. Per l'argentino a suonare la carica è proprio il suo compagno di reparto, oggi in infermeria, vale a dire Ciro Immobile. Il bomber campano salterà quasi certamente la sfida con il Frosinone, lasciando al sudamericano ex Girona la chance di rimediare alla scarsa efficienza sotto porta dimostrata nelle ultime settimane, compreso nel match contro l'Empoli dove si è divorato il 3-0, calciando addosso a Caprile. Sarri chiede nuove prestazioni come quella fornita all'Olimpico contro l'Atalanta, affermando come sta a lui sbloccarsi, per togliersi di dosso tutta la pressione dell'ambiente. Dopo il Castellani anche il capitano ha investito il Taty del ruolo di erede: " Taty è intelligente - ha detto Immobile - ci vediamo quotidianamente. Vede quello che faccio, il mio comportamento e come cerco di approcciare a ogni allenamento e partita. Quando ha bisogno di qualche cosa ne parliamo sempre, adesso che starò fuori dovremo usufruirne al 100% e so che starà più tranquillo e farà gol sicuramente".

Non solo Castellanos però anche Kamada avrà una chance simile vista l'assenza di Luis Alberto. Proprio come l'argentino, anche il giapponese, dopo un gol arrivato molto presto nella sua esperienza biancoceleste, si è spento inanellando una brutta sequenza di prestazioni deludenti. L'ex Francoforte oggi è un oggetto misterioso in casa capitolina, in cerca di autore e di se stesso. L'assenza dello spagnolo potrebbe essere quell'occasione da cogliere al volo per dare un cambio di rotta alla sua esperienza sulle rive del Tevere. Sorge però un problema non da poco sotto questo punto di vista.

Il giapponese rischia di saltare tante partite nel prossimo avvio di 2024: dal 12 di gennaio infatti avrà inizio la Coppa d'Asia, cui il centrocampista, con ogni probabilità, parteciperà con il suo Giappone. Le convocazioni del ct nipponico Hajime Moriyasu saranno diramate il primo di gennaio e oltre alla competizione, potrebbe lasciare la squadra in anticipo per prendere parte all'amichevole pre-torneo contro la Giordania del 9 gennaio.

La competizione si giocherà in Qatar, dopo la posticipazione del 2023, che avrebbe dovuto prendere luogo in Cina, ma vista la politica ancora molto restringente di Pechino, ecco come si sfrutteranno buona parte delle strutture realizzate per il Mondiale 2022, in casa dei campioni uscenti del torneo. La formula del torneo è la stessa dell'Europeo: 24 squadre divise in 6 gironi da quattro squadre l'uno. Ad accedere agli ottavi di finale sono le prime due di ogni gruppo più le quattro migliori terze. Le selezioni promosse poi giocheranno ottavi, quarti, semifinali e finale in gara secca. Il primo calcio d'inizio è previsto per il 12 gennaio, mentre la finale si disputerà il prossimo 10 febbraio. Il Giappone di Kamada è inserito nel gruppo D insieme a Indonesia, Iraq e Vietnam. Le tre gare del girone si giocheranno il 15 (Vietnam), il 21 (Iraq) e il 27 (Indonesia) gennaio. Si parla di oltre un mese di assenza da parte del centrocampista da Formello. Un problema che condividono anche altre squadre con i vari convocati non solo per la Coppa 'Asia, ma anche per la Coppa d'Africa, che si svolgerà praticamente in contemporanea dal 13 gennaio all'11 febbraio.

Qualora Kamada dovesse essere convocato dalla propria selezione Nazionale, la lista di partite che salterebbe è lunga. Il nipponico non sarebbe a disposizione per le gare di campionato contro Udinese, Lecce, Napoli, Atalanta e Cagliari. Non solo Serie A però nelle partite perse dal giapponese, il giocatore sarebbe fuori anche per la sfida di Coppa Italia contro la vincente di Roma-Cremonese e per la final four di Supercoppa Italiana in Arabia Saudita. Qualora il Giappone dovesse arrivare alle fasi conclusive della competizione, il giapponese tornerebbe in tempo per la vigilia della sfida di Champions League contro il Bayern Monaco: match in programma il 14 febbraio, mentre la finale del torneo è organizzata per il 10 dello stesso mese. 

Un'assenza molto lunga, senza contare il rischio di potenziali infortuni, che potrebbe costringere la Lazio ad affidarsi al mercato per coprire l'eventuale assenza del nipponico. Al momento non ci sono particolari voci di mercato accostate ai biancocelesti, ma Sarri e Lotito sognano un colpo di quelli da incendiare la piazza. Andrea Colpani sta facendo faville con la maglia del Monza in questa stagione e su di sé ha attirato gli sguardi indiscreti di tante big del campionato italiano, le quali però non sembrano intenzionate a muovere su di lui in questa sessione di mercato, mantenendo il colpo in canna per la prossima estate. Inter, Napoli, Milan e Juventus non sembrano infatti intenzionate ad accontentare le richieste dei brianzoli per privarsi del proprio leader tecnico a gennaio. 

Uno spazio di manovra minimo, ma che lascia speranza a Lotito e Fabiani, pronti a giocarsi le carte delle contropartite tecniche per abbassare il costo del cartellino del fantasista classe 1999. I contatti con Adriano Galliani per il suo giocatore sono iniziati già all'inizio di questo mese, con la valutazione da parte del club biancorosso di circa 25 milioni di euro. Difficile ipotizzare che la Lazio possa investire in contanti tutta la somma richiesta dall'ex dirigente del Milan, per questo si sta valutando di mettere in tavolo delle contropartite tecniche per colmare il gap tra domanda e offerta. I biancocelesti offrono il cartellino di Jean-Daniel Akpa Akpro, già in prestito tra le fila dei brianzoli, e quello di Toma Basic, oltre a un conguaglio economico di poco superiore ai 10 milioni di euro.

Nonostante i discorsi vadano avanti da tempo, nelle ultime ore i contatti tra le parti si sarebbero intensificati, facendo pensare che i tempi possano essere maturi per l'offerta decisiva per assicurare alla Lazio il futuro dell'ex Atalanta. Dopo essersi assicurati le prestazioni di Rovella, un altro dei perni del centrocampo del Monza della scorsa stagione, potrebbe approdare sulla sponda biancoceleste del Tevere.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su