Lazio-Napoli: probabili formazioni, orario e dove vedere la partita

I biancocelesti vogliono continuare la loro impressionante risalita, mentre i partenopei vanno a caccia di riscatto

di FILIPPO MONETTI -
27 gennaio 2024
Maurizio Sarri, oggi alla Lazio, è stato allenatore del Napoli per tre stagioni
Maurizio Sarri, oggi alla Lazio, è stato allenatore del Napoli per tre stagioni

Roma 27 gennaio 2024 - Due squadre a caccia di riscatto e punti per scalare la classifica si affronteranno domani di fronte a uno stadio a metà per l'occasione. Nella giornata di domenica 28 gennaio alle ore 18 la Lazio ospita il Napoli in una sfida ad alta tensione che si giocherà però di fronte a uno stadio Olimpico che vedrà chiusi i settori di curva Nord e distinti a causa dei cori razzisti verso Lukaku operati nel derby di Coppa Italia. Alll'andata vinsero i capitolini per 1-2, grazie alle reti di Luis Alberto, di tacco, e Kamada, con il pareggio momentaneo dei campani firmato da Zielinski.

La Lazio nelle ultime quattro partite ha ottenuto altrettanti successi, risalendo così in maniera rapida e vertiginosa la classifica, fino al sesto posto a tre soli punti dalla zona Champions, che oggi occupa l'Atalanta. L'esperienza in Supercoppa ha lasciato l'amaro in bocca e le squalifiche di Immobile e Zaccagni da gestire, Sarri però non deve disperare. Il recupero di Castellanos permetterà al tecnico di schierare il proprio 4-3-3 senza stravolgere i propri interpreti. Resta l'incognita Kamada: il giapponese è un pezzo sempre più complicato da identificare nello scacchiere tecnico di squadra, lui che all'andata fu protagonista, realizzando anche un gol. In difesa Patric va verso il rientro, ma difficilmente troverà spazio tra i titolari, sarà infatti Gila ad affiancare Romagnoli nella linea arretrata.

Il Napoli proprio come i biancocelesti cerca la ripartenza dopo un'esperienza poco fortunata in Supercoppa. Dopo la grande prestazione in semifinale contro la Fiorentina, i ragazzi di Mazzarri non sono riusciti a ripetersi contro l'Inter, cadendo solo nei minuti conclusivi della finale. I partenopei non devono però disperarsi. Il mercato ha portato molti rinforzi all'ombra del Vesuvio e contro la Lazio potremmo vedere nuovi debutti, dopo quello già avvenuto di Pasquale Mazzocchi. Le squalifiche di Cajuste, Kvaratskhelia e Simeone si aggiungono alle assenze di Zambo Anguissa e Osimhen per la Coppa d'Africa. L'ultimo arrivato Dendoncker probabilmente non sarà titolare, ma va in panchina fin da subito e potrebbe subentrare a gara in corso. Più chance dal primo minuto invece per Ngonge, con il belga che potrebbe partire titolare per completare l'attacco partenopeo.

La designazione arbitrale della 22ª giornata di Serie A ha assegnato la direzione della gara Lazio-Napoli a Daniele Orsato della sezione di Schio. Il direttore di gara sarà coadiuvato dagli assistenti Berti e Moro: Sacchi sarà il IV ufficiale mentre Irrati e Paterna sono stati indicati nei ruoli di VAR e AVAR. Sarà il 50° incrocio per il direttore di gara con i biancocelesti: 22 vittorie, 15 pareggi e 12 sconfitte il bilancio. Sono invece 51 i precedenti con il Napoli, con 18 vittorie, 16 pareggi e 17 k.o. Napoli e Lazio sono, rispettivamente, la prima e la seconda squadra più arbitrata da Orsato in carriera. Per il fischietto veneto si tratterà della diciottesima direzione stagionale, la decima in questo campionato di Serie A. Le altre gare dirette dall'arbitro sono state 5 in Champions League (1 ai preliminari), 1 in Coppa Italia, 1 in Saudi Pro League (Arabia Saudita) e 1 in UAE Pro League (Emirati Arabi).

Probabili formazioni

Sarri recupera Castellanos e punterà sull'ex Girona per guidare il proprio attacco. Felipe Anderson agirà sulla sinistra al posto di Zaccagni, mentre Isaksen completerà il tridente, con Immobile assente per squalifica proprio come l'esterno ex Verona. Luis Alberto torna dal primo minuto a occupare il ruolo di mezzala sinistra, con Rovella e Guendouzi a completare il reparto. In difesa Patric ha recuperato dal problema alla spalla, ma le sue condizioni lasciano perplessi e Gila parte favorito per il ruolo di titolare al fianco di Romagnoli. A completare la linea a quattro davanti a Provedel ci sarà sicuramente Marusic più uno tra Lazzari e Pellegrini, con il primo favorito il quale andrebbe a schierarsi a destra, con il montenegrino a sinistra.

Oltre ad Osimhen e Anguissa in Coppa d’Africa, Mazzarri deve rinunciare anche agli squalificati Kvaratskhelia, Cajuste e Simeone. Scelte obbligate per il tecnico dei partenopei sia in porta, sia in difesa, di Meret e Gollini. Nella linea a tre arretrata ci saranno Di Lorenzo, Rrahmani e Juan Jesus, mentre a centrocampo in mediana torna titolare Lobotka al fianco di Demme. Mazzocchi e Mario Rui agiranno sulle corsie mentre Zielinski e Politano sosterranno l'unica punta Raspadori. Partiranno solo dalla panchina i neo acquisti Ngonge e Dendoncker.

Lazio (4-3-3): Provedel; Lazzari, Gila, Romagnoli, Marusic; Guendouzi, Rovella, Luis Alberto; Isaksen, Castellanos, Felipe Anderson. All. Maurizio Sarri.

Napoli (3-4-2-1): Gollini; Di Lorenzo, Rrahmani, Juan Jesus; Mazzocchi, Demme, Lobotka, Mario Rui; Zielinski, Politano; Raspadori. All. Walter Mazzarri.

Dove vedere la partita

La partita fra Lazio e Napoli dello stadio Olimpico, valevole per la ventiduesima giornata di Serie A, inizierà alle ore 18 di domenica 28 gennaio 2024. La partita sarà visibile in esclusiva in streaming su Dazn, con collegamento in diretta a partire dalle 17.45. Si potrà seguire il match scaricando l'app sulla propria smart tv oppure collegando il televisore a una console PlayStation 4/5, Xbox, oppure ad un TIMVISION BOX, ad un dispositivo Amazon Fire TV Stick o Google Chromecast. Visione possibile anche tramite app o sito Dazn su tablet, pc e smartphone. L'incontro sarà disponibile anche su Sky solo per chi ha acquistato il pacchetto Zona Dazn sulla piattaforma. I telecronisti scelti dalla piattaforma per raccontare l'incontro sono Ricky Buscaglia e Andrea Stramaccioni.

Statistiche e precedenti

La Lazio è la squadra contro cui il Napoli ha vinto il maggior numero di partite nella sua storia in Serie A: 54 su 135 partite, completano il bilancio 41 pareggi e 40 successi biancocelesti. Nelle ultime due sfide giocate in campionato sono però stati i capitolini ad avere la meglio sui partenopei. L’ultima volta che i laziali hanno ottenuto più successi consecutivi contro i partenopei nella competzione risale al periodo tra maggio 1993 e ottobre 1994 (allora furono quattro le vittorie di fila). La formazione di Sarri ha vinto le ultime quattro partite di campionato, i biancocelesti non hanno mai ottenuto cinque successi di fila in Serie A sotto la guida dell'allenatore toscano. L’ultima volta che hanno vinto cinque match consecutivi nel torneo risale al periodo tra marzo e aprile 2021, con Simone Inzaghi alla guida.

Neanche un pareggio nelle ultime 14 sfide tra aquilotti e partenopei in Serie A: quattro vittorie laziali e 10 campane, con l’ultimo segno “X” tra queste due squadre nel torneo risale al 5 novembre 2016 (1-1 in quel caso con gol di Hamsík e Keita Baldé). Il Napoli ha vinto otto delle ultime 10 trasferte contro la Lazio in Serie A (2P), segnando 20 reti nel periodo (esattamente due di media a match): contro nessuna formazione i partenopei hanno vinto più gare esterne nel periodo (dal 2013-14). Dopo la vittoria contro la Salernitana nell’ultimo turno di campionato, i campani potrebbero ottenere due successi di fila in Serie A per la prima volta dallo scorso settembre (allora fu contro Udinese e Lecce).

Continua a leggere tutte le notizie di sport su