Il Milan aspetta il Napoli. Obiettivo: blindare il terzo posto

Assente Reijnders: diffidato, è stato ammonito nel match contro i ciociari. Chukwueze è ancora impegnato in Coppa d'Africa con la Nigeria. Anche Osimhen salta la sfida di domenica sera

di ILARIA CHECCHI -
6 febbraio 2024
Contro il Napoli non ci sarà Reijnders
Contro il Napoli non ci sarà Reijnders

Milano, 5 febbraio 2024 – Il Diavolo è tornato al lavoro a Milanello per preparare la sfida al Napoli di Mazzarri di domenica a San Siro: traguardo in vista per Stefano Pioli che toccherà le 220 presenze in panchina con il Milan, affiancando Arrigo Sacchi. Dopo aver guadagnato tre punti sulla Juventus, sconfitta dall’Inter, l’obiettivo dei rossoneri è blindare ulteriormente il terzo posto per poi concentrarsi sul Rennes, primo avversario nella nuova avventura in Europa League.

La squadra è ora a -4 punti dal secondo posto occupato dai bianconeri, piazzamento che permette di partecipare alla Supercoppa italiana del prossimo anno. Dopo il pareggio per 2-2 nel girone d’andata contro i partenopei e il recente successo con il Frosinone, i rossoneri cercheranno di ottenere i tre punti anche contro i campioni d’Italia in carica: gara di vitale importanza per il Napoli, che dopo la vittoria contro il Verona proverà a espugnare il Meazza per avvicinarsi alla zona Champions, a oggi distante 4 punti.

Le ipotesi

Per l’incontro di domenica sera il tecnico emiliano dovrà fare i conti con l’assenza pesante di Reijnders: l’olandese, diffidato, è stato ammonito nel match contro i ciociari e per questo dovrà saltare il duello con gli azzurri. A centrocampo Adli potrebbe essere affiancato da uno tra Bennacer e Musah, mentre il resto della formazione dovrebbe essere la stessa vista al Benito Stirpe.

Ancora impegnati in Coppa d’Africa, e dunque assenti certi, anche i nigeriani Chukwueze e Osimhen, pronti a giocare la semifinale contro il Sudafrica domani alle ore 18. L'attaccante esterno del Milan, dopo aver giocato in tutte e tre le partite della fase a gironi contro Guinea Equatoriale, Costa d'Avorio e Guinea-Bissau, è rimasto in panchina per tutto il tempo sia nei match valido per gli ottavi contro il Camerun, sia nella sfida dei quarti contro l’Angola. Se la semifinale non dovesse portare al successo la Nigeria, Chukwueze rientrerebbe a Milanello sicuramente dopo il 10 febbraio, giorno in cui si giocherà la finale terzo e quarto posto.

Infermeria

Dopo aver accusato ben sette infortuni muscolari a ottobre, 5 a novembre e 4 a dicembre, il Diavolo ha perso nel mese di gennaio soltanto Alessandro Florenzi, fermato da un sovraccarico già ampiamente smaltito: l’emergenza, dunque, sembra essere stata contenuta e ora Pioli aspetta con ansia il rientro dei suoi tre titolarissimi in difesa, considerato che il mercato invernale, eccezion fatta per il ritorno di Gabbia dal prestito al Villareal e l’arrivo di Terracciano dal Verona, non ha portato nuovi innesti.

Il primo a tornare a disposizione del tecnico parmigiano dovrebbe essere Malick Thiaw, che punta a essere disponibile per la gara di ritorno dei playoff di Europa League in casa del Rennes il prossimo 22 febbraio. Più lunghi i tempi di attesa per Fikayo Tomori e Pierre Kalulu, out rispettivamente da fine dicembre e fine ottobre, che potrebbero tornare in campo durante il mese di marzo. Per quanto riguarda Tommaso Pobega, invece, lo si vedrà nuovamente tra i convocati non prima di aprile dopo l’operazione fatta al retto femorale della gamba sinistra. Un calendario meno affollato di impegni ha sicuramente agevolato il lavoro di Pioli che ha potuto aumentare i carichi es sfruttare i giorni a disposizione in settimana per gestire al meglio gli allenamenti della squadra, soggetta ovviamente a meno rischi e stress fisico.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su