Crisi Napoli, ora è fuori dalla zona Europa: De Laurentiis chiede scusa ai tifosi

La cura Mazzarri non ha funzionato, appena due vittorie in sei gare di campionato. Il presidente promette interventi sul mercato

30 dicembre 2023
Aurelio de Laurentiis, 74 anni, presidente del Napoli dal 2004
Aurelio de Laurentiis, 74 anni, presidente del Napoli dal 2004

Napoli, 30 dicembre – Due vittorie, un pari e tre sconfitte in campionato. Il pass di Champions per gli ottavi, certo, ma anche l’eliminazione choc in Coppa Italia con il Frosinone. Il mese e mezzo trascorso da Mazzarri sulla panchina del Napoli ha ben poco di trionfale, specialmente se paragonato ai fuochi d’artificio della stagione scorsa, con lo storico scudetto conquistato da Spalletti. I partenopei sono settimi, fuori dalla zona Europa.

Il pari interno col Monza ha certificato lo stato di difficoltà dell’ormai ex armata azzurra. E il nervosismo è stato evidente, sia durante la partita, con il tecnico che ha preso il rosso, sia dopo, con le dichiarazioni ai microfoni di Dazn. “E’ un continuo provocare sia Kvara che Osimhen – ha detto l’allenatore – In una partita in cui c'è il Var e tante telecamere vediamo queste cose ed è così che si perdono i punti, oltre che sbagliando le palle gol”. 

C’è anche il mea culpa del presidente Aurelio De Laurentiis, il primo a riconoscere che le cose non vanno. E il suo tono è ben diverso da quello di appena una settimana fa, quando annunciava il rinnovo della stella Osimhen. “Tutto quello che è successo finora è mia responsabilità – ha detto ADL – . Le colpe non vanno su giocatori o allenatore – ha proseguito  il patron, come riporta Sky –  me ne assumo la responsabilità. Chiedo scusa ai napoletani se siamo dove siamo in classifica. Penso che il campionato è lungo, ci muoveremo sul mercato per recuperare il tempo perduto".

Continua a leggere tutte le notizie di sport su