De Laurentiis attacca la Lega. Mazzarri: "Voglio il quarto posto"

Arriva il Verona, il presidente del Napoli contro le interviste obbligatorie: "Si sono venduti ogni momento"

4 febbraio 2024
De Laurentiis attacca la Lega. Mazzarri: "Voglio il quarto posto"
De Laurentiis attacca la Lega. Mazzarri: "Voglio il quarto posto"

Aurelio De Laurentiis ci mette sempre la faccia, in difesa del suo allenatore e in attacco nei confronti della Lega Calcio. Anche se dopo la conferenza stampa di ieri il patron del Napoli ha annunciato l’intenzione di non far più parlare il tecnico prima delle gare: "Questa conferenza era dovuta per Mazzarri dopo la chiusura del mercato. È mia intenzione non fare più le conferenze pre partita. Ha già tante cose a cui pensare, che deve dire?", ha detto il presidente del Napoli ieri. E poi è partito all’attacco della Lega: "La Lega Serie A è un disastro, un cumulo di incapacità totale. Far entrare le telecamere nello spogliatoio quando i calciatori hanno un testicolo dentro e uno fuori, qual è la spettacolarità di questo sacro momento nello spogliatoio? Poi ha venduto anche il dopo partita. Ma perché devo parlare della partita? Torno a casa, vedo la tv e il lunedì si fa un bel tu per tu sulla partita del giorno precedente. Dopo tutto, ti devo anche far sentire cose che sono sempre le stesse. Domande uguali, risposte diplomatiche".

Sul mercato, ADL spiega: "Avevo trattato con Gino Pozzo l’acquisto di Perez. Gli avevo proposto 18 milioni all inclusive, ma lui voleva che si pagassero 700 mila euro a chi lo ha fatto crescere e altri soldi al procuratore. Così non ho fatto più nulla".

Sul campionato, che oggi vede i partenopei ospitare il Verona, De Laurentiis sembra sicuro: "Io credo che dal 18 febbraio, finalmente al completo, avremo opportunità per dire che ripartiamo in maniera corposa, senza scuse e disagi. Avremo una rosa per competere a qualunque livello. Una ripicca verso Zielinski? Assolutamente no. È una splendida persona, un bravissimo ragazzo e un giocatore di livello, ma ripeto: le scelte sono state fatte visto che è in uscita. Dal 1° luglio non sarà più con noi e dovremo aprire una finestra sulle opportunità in entrata".

Mazzarri (nella foto), dal canto suo, fissa l’obiettivo concreto: "Proveremo fino alla fine ad arrivare al quarto posto, la classifica io non la guardo più. Mancano 17 partite. Zielinski? Sta male, probabilmente non credo verrà convocato. Non si è allenato".

E il Verona? "Abbiamo bisogno di punti, dovremo fare una partita di personalità, avendo grande rispetto dell’avversario. Queste sono squadre contro cui devi essere attentissimo all’interno della prestazione. Servirà avere compattezza, attenzione, e aiutarsi in campo: dovremo fare una prestazione sopra le righe e sperare anche che il Napoli ci lasci qualcosa", dice il tecnico dei veneti Marco Baroni. "Abbiamo cambiato molto ma lo sapevamo, sono cose di cui abbiamo già parlato. Come ho detto ai ragazzi, personalmente non ho mai apprezzato chi parla del ‘tempo a disposizione come scusa: il tempo non esiste nella vita come nel calcio".

Continua a leggere tutte le notizie di sport su