Europei 2024: Le partite dei calciatori del Pisa Marin e Mlakar

Il calendario per seguire i nerazzurri agli Europei

di MICHELE BUFALINO
12 giugno 2024
Mlakar con la maglia della Slovenia

Mlakar con la maglia della Slovenia

Pisa, 12 giugno 2024 - Ci sarà anche un po’ di nerazzurro nel Campionato Europeo che prenderà il via il prossimo 14 giugno. Marius Marin (Romania) e Jan Mlakar (Slovenia) hanno infatti ricevuto la definitiva convocazione per la rassegna continentale in programma in Germania e che vedrà al via 24 squadre suddivise in 6 gironi da 4 squadre; alla fase successiva saranno ammesse le prime due di ogni raggruppamento unitamente alle 4 migliori terze classificate. La Slovenia di Jan Mlakar è stata inserita nel Gruppo C assieme a Danimarca, Serbia e Inghilterra. La Romania di Marius Marin, invece, fa parte del Gruppo E con Belgio, Slovacchia e Ucraina. Queste le gare che attendono i due nerazzurri nella fase a gironi: Domenica 16 giugno 2024 Slovenia-Danimarca (Stoccarda, ore 18.00) Lunedì 17 giugno 2024 Romania-Ucraina (Monaco, ore 15.00) Giovedì 20 giugno 2024 Slovenia-Serbia (Monaco, ore 15.00) Sabato 22 giugno 2024 Belgio-Romania (Colonia, ore 21.00) Martedì 25 giugno 2024 Inghilterra-Slovenia (Colonia, ore 21.00) Mercoledì 26 giugno 2024 Slovacchia-Romania (Francoforte, ore 18.00) Marius Marin ha continuato a essere un pilastro del centrocampo del Pisa. Nella stagione 2023-24, Marin ha fornito solidità e leadership alla squadra. La sua esperienza e la sua capacità di leggere il gioco sono state cruciali per mantenere l'equilibrio a centrocampo, contribuendo sia in fase difensiva che offensiva. Oltre al suo ruolo nel club, Marin ha continuato a rappresentare la Romania a livello internazionale, dimostrando la sua importanza anche sulla scena europea. La stagione di Jan Mlakar, invece, è stata più complicata. Arrivato con aspettative elevate, l'attaccante sloveno ha faticato a trovare la sua forma migliore, segnando solo tre gol in campionato. Nonostante le sue difficoltà davanti alla porta, Mlakar ha comunque contribuito con il suo lavoro di sacrificio e la capacità di creare spazi per i compagni. La mancanza di gol ha pesato, e la sua stagione è stata segnata da prestazioni altalenanti e un utilizzo limitato nei minuti cruciali delle partite.

Michele Bufalino

Continua a leggere tutte le notizie di sport su