I cinque motivi per non perdere Cosenza-Pisa

Dopo il calciomercato c'è una classifica da riscattare

2 febbraio 2024
Roberto Gemmi, il grande ex di questa partita

Roberto Gemmi, il grande ex di questa partita

Pisa, 2 febbraio 2024 - Contro il Cosenza, per la prima sfida dopo il calciomercato, i nerazzurri cercano di riscattare la sconfitta casalinga contro lo Spezia. Ecco i motivi per non perdere questa partita. GEMMI - A Pisa era il direttore sportivo che rifiutava gli alibi, uno dei suoi cavalli di battagli attraverso le tre stagioni in cui ha guidato lo sviluppo e il calciomercato nerazzurro. Roberto Gemmi domani incontrerà di nuovo i nerazzurri da avversario. Nella città Toscana divenne uno dei simboli fin dalle prime battute, come in occasione dell'arrivo di Luca D'Angelo sulla panchina nerazzurra. Un carattere forte, a tratti spigoloso, che entrò nei cuori dei tifosi nerazzurri. “Gli obiettivi non si dicono, ma si raggiungono”, fu una delle sue massime ancora oggi utilizzata da larga parte del tifo. FINE CALCIOMERCATO - La finestra di trattative di gennaio è finita con un vero acquisto per Aquilani e quattro cessioni. Un magro bottino che non risolve, specialmente, i problemi del reparto arretrato con Leverbe in tribuna nelle ultime apparizioni, ma da reintegrare e un Beruatto sotto tono. Tanti tifosi si aspettavano di più da questa sessione per rilanciare il progetto sportivo. SQUALIFICHE E ASSENZE - Senza la conferenza stampa di Aquilani, per la seconda volta, diventa difficile capire chi sarà a disposizione dell'allenatore nerazzurro. Le uniche certezze sono rappresentate dall'infortunio di D'Alessandro, che mancherà per almeno tre settimane, oltre agli squalificati Nicolas, Esteves e Lisandro Tramoni. Il resto resta un'incognita mentre dalle foto social del Pisa si apprende almeno del ritorno in gruppo di Barberis. I TIFOSI - Nonostante la curva rimanga fuori a oltranza per le gare in casa, in trasferta invece i gruppi organizzati hanno garantito che tiferanno e si sgoleranno per i colori nerazzurri. Sciopero dallo stadio, visti i problemi dell'Arena Garibaldi, ma non del tifo, centrale nell'economia di una stagione che, tra le mura amiche, ha visto un Pisa sottotono rispetto alle uscite in trasferta. AQUILANI E IL SILENZIO STAMPA - Per la seconda volta di fila il tecnico Alberto Aquilani non parlerà alla stampa. Un silenzio giudicato deleterio da molti e poco utile alla situazione attuale. Tante le critiche verso squadra e società, che si è chiusa nel silenzio, dopo le proteste dei tifosi e le problematiche dell'Arena Garibaldi. Anche il tecnico nerazzurro è arrivato di fronte a un bivio. Svoltare la stagione o la sua panchina sarà fortemente a rischio.  Michele Bufalino

Continua a leggere tutte le notizie di sport su