Chen Xuyuan, l’ex presidente della Federcalcio cinese condannato all’ergastolo per corruzione

Secondo i giudici il 67enne ha approfittato del ruolo e preso tangenti per più di dieci milioni di euro dal 2010 al 2023

26 marzo 2024
Chen Xuyuan, ex presidente della Federcalcio cinese condannato all'ergastolo

TOPSHOT - This handout photograph taken on March 26, 2024 and released by Huangshi Intermediate People’s Court shows Chen Xuyuan (C), former chairman of Chinese Football Association, standing during his trial at the Huangshi Intermediate People’s Court in Huangshi city, in central China's Hubei province. The former chairman of the Chinese Football Association has been sentenced to life in prison for accepting bribes worth 11 million USD, state media said on March 26, 2024, part of a crackdown on corruption in the domestic game. (Photo by Handout / Huangshi Intermediate People's Court / AFP) / - China OUT / -----EDITORS NOTE---EDITORIAL USE - MANDATARY CREDIT "AFP PHOTO / Huangshi Intermediate People’s Court" - NO MARKETING NO ADVERTISING CAMPAIGNS - DISTRIBUTED AS A SERVICE TO CLIENTS

Pechino, 26 marzo 2024 – L'ex presidente della Federcalcio cinese, Chen Xuyuan, è stato condannato all'ergastolo per corruzione, nell'ambito di un giro di vite deciso da Pechino contro il malaffare nel calcio nazionale. Secondo il Quotidiano del Popolo, Chen Xuyuan ha approfittato della sua posizione per “accettare illegalmente somme di denaro da altre persone per un totale di 81,03 milioni di yuan”, ovvero 10,4 milioni di euro.

Un tribunale della provincia centrale di Hubei lo ha quindi condannato “all'ergastolo per aver accettato tangenti, alla decadenza dei diritti politici a vita e alla confisca di tutti i suoi beni personali”.

Le tangenti ricevute da Chen Xuyuan erano "particolarmente ingenti” e le sue azioni “hanno avuto gravi conseguenze per il settore calcistico cinese”, secondo la stessa fonte.

Il processo all'ex dirigente 67enne si è svolto in un contesto cupo per il calcio cinese, con una nazionale debole che è stata eliminata senza gloria dalla Coppa d'Asia e un'immagine dello sport afflitta da malversazioni. Il presidente Xi Jinping, appassionato di calcio, aveva grandi ambizioni per la nazionale, ma la squadra, spesso derisa dai cinesi, rimane bloccata al 79esimo posto della classifica Fifa, più o meno dove si trovava 10 anni fa.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su