Il derby dà i numeri. La rosa granata vale di più: 17,08 milioni contro i 16,75 dei gialli

Non ci sono bomber che spiccano: Gondo e Strizzolo a quota tre. Tremolada è il più sostituito, ma anche il miglior assist-man. Zaro e Bardi stacanovisti: non hanno saltato un solo minuto.

di GIUSEPPE MAROTTA -
29 novembre 2023
La rosa granata vale di più: 17,08 milioni  contro i 16,75 dei gialli
La rosa granata vale di più: 17,08 milioni contro i 16,75 dei gialli

Negli ultimi anni Modena-Reggiana è una sfida infinita, un derby che ha indossato tanti abiti diversi dal 2018. Quello della Serie D, quando si incontrarono due volte più la terza in finale playoff (4-1 per i canarini al Braglia). Una rinascita dalle ceneri a braccetto: entrambe saliranno in Serie C. In terza serie la Reggiana fa in tempo a sbancare Modena con Scappini (27 ottobre 2019): Alvini porterà il granata in B. Poi la sfortunata retrocessione, mentre il Modena mette le basi per la promozione.

Il derby si veste di tutto punto nel 2021-22, ancora in C: un testa a testa che premia i gialli con 88 punti. ’Solo’ 86 per i granata…

Ora l’ennesimo capitolo, nella categoria attesa da quel 2018. L’ultima al Braglia risale al 6 settembre 2021: 1-1, Ogunseye e Neglia. In 26 mesi di cose ne sono cambiate, altre meno.

Per esempio: ora come allora Tremolada è il più sostituito dei gialli, ma anche il miglior assistman (ora con Manconi). C’erano in campo i "super" esperti Cigarini e Pergreffi, che oggi con due anni in più sono ancora lì.

Rimanendo ai giorni nostri: il Modena è squadra più pronta, al secondo anno di B. Ha sette punti in più della Reggiana, ma secondo Transfermarkt la rosa granata vale di più: 17,08 milioni contro i 16,75 dei gialli. Fa schizzare la cifra Antiste, che con un valore di 2,3 milioni è il più "prezioso".

I gol fatti sono identici: entrambe hanno esultato 14 volte. La ‘Regia’, però, ne ha presi 17, e il Modena 13. Simili anche le ammonizioni: 37 ai granata e 39 ai modenesi, con Bianco, Manconi e Palumbo tra i più "cattivi". Non ci sono bomber che spiccano. Gondo ha segnato tre volte, come Strizzolo. Nesta non può fare a meno di Bianco, ma è impressionante la continuità del difensore Zaro, che non ha saltato un minuto. Ha giocato 14 gare su 14, 1260’ su 1260’. Nella Reggiana solo Bardi (un portiere) ha fatto uguale.

La Reggiana ha conquistato più rigori: tre, segnati da Vido, Pettinari e Cigarini. Uno solo per il Modena, fallito da Tremolada. Due i penalty contro i granata (Venezia, parato da Bardi, e Cosenza); uno solo avverso al Modena, col Parma (niente gol però: Seculin ha murato Man).

Zaro è anche il più pericoloso di testa (è alto 193 cm), però pure Nesta può contare sulle torri, vedi Rozzio, Marcandalli e Girma tutti alti 190 cm. In mezzo al campo pochi centimetri per Bianco e Gerli, ma tanta sostanza e qualità. Bella anche la rivalità sugli spalti: la Reggiana in casa in media fa 9.447 spettatori, meglio il Modena che sfonda il tetto dei 10mila con 10.209. Decisivo in questo dato l’incontro con la Sampdoria: di fronte alla curva Montagnani c’erano oltre 3.000 doriani. La Reggiana ha fatto il record interno, per ora, col Palermo: 10.374 spettatori. Per sabato la Montagnani è già sold out, e i reggiani hanno già staccato 1.650 biglietti nel settore ospiti, a fronte di 3.300 disponibili, quindi esattamente il 50% venduti. L’ennesimo capitolo di questo derby avrà una platea all’altezza.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su