Il presidente Salerno durissimo con la squadra: "Prestazione inaccettabile, così non ti salvi"

Nesta: "Sono molto arrabbiato, ci mancavano i ’vecchi’ che ci avrebbero dato tranquillità". Bianco: "Non ci hanno mai impensierito"

3 dicembre 2023
Il presidente Salerno durissimo con la squadra: "Prestazione inaccettabile, così non ti salvi"
Il presidente Salerno durissimo con la squadra: "Prestazione inaccettabile, così non ti salvi"

"Inizio facendo i complimenti al Modena che ha meritato di vincere e ringraziando la famiglia Rivetti per l’accoglienza e voglio metterci la faccia perché nel primo tempo ho rivisto un atteggiamento inaccettabile se ci vogliamo salvare. Esattamente lo stesso che era già capitato a Terni e Cosenza e questo mi dispiace tanto". Lucido, ma spietato nella sua analisi, il presidente Salerno torna a parlare dopo diverse settimane e sceglie un momento che potrebbe essere decisivo nella stagione della Reggiana. Il messaggio è forte e ha anche un fine ben preciso: azzerare gli alibi. "È vero che in questo momento abbiamo tanti infortunati – prosegue – ma questi sono tutti alibi che non devono esistere: abbiamo una rosa con 29 calciatori che possono giocare tutti titolari e i giovani sono spesso tra i migliori in campo. Sono amareggiato e deluso, in campo voglio vedere cattiveria e determinazione perché è chiaro che se perdi tutti i duelli individuali come abbiamo fatto oggi (ieri, ndr) non vai da nessuna parte e di sicuro non ti salvi. Mi auguro che in settimana lo staff e la direzione sportiva provino a capire perché a volte non abbiamo la cattiveria agonistica necessaria".

Pensieri taglienti e diretti, peraltro piuttosto in contrasto con le parole che poco prima aveva pronunciato Nesta: "Sono molto arrabbiato perché non ho fatto nemmeno in tempo a sedermi in panchina che avevamo già preso gol - si sfoga il trainer granata - è un episodio avverso che però non doveva farci perdere il coraggio ma non devi mai perdere il coraggio. Credo che in questo il fatto di avere molti giovani che non sono abituati a giocare questo tipo di partite ci abbia condizionato parecchio. Ritrovare i ‘vecchi’ che oggi ci mancavano ci avrebbe dato certamente più tranquillità perché loro sanno come gestire queste partite che vanno interpretate nel modo giusto soprattutto dal punto di vista emotivo’. Esperti o non esperti, la Reggiana ieri è ricaduta negli stessi errori. "Con l’Ascoli abbiamo preso gol dopo cinque minuti, oggi (ieri, ndr) dopo 38 secondi e per me lì l’aspetto mentale ha fatto la differenza. Sembrava che i nostri ragazzi non fossero pronti a una sfida in un contesto del genere, per questo dico che sarà fondamentale recuperare i giocatori piùà esperti: daranno tranquillità ai più giovani". Di tutt’altro umore, ovviamente, il tecnico dei canarini Paolo Bianco che inizia con una ‘frecciatina’ a distanza per Cigarini che in settimana aveva spiegato come il derby più sentito per i reggiani fosse quello col Parma: "Per qualcuno a quanto pare non era un derby così sentito – punge il mister dei canarini – ma i miei ragazzi hanno voluto una vittoria a tutti i costi. Dedichiamo questo successo alla nostra splendida gente". Poi l’analisi: "Abbiamo sofferto solo i primi minuti del secondo tempo perché non abbiamo approcciato bene ed ero molto arrabbiato. A parte questo abbiamo avuto tante occasioni, non ci hanno mai impensierito e potevamo andare più volte a segno".

Francesco Pioppi

Continua a leggere tutte le notizie di sport su