Gp F1 Brasile 2023: vince Verstappen, davanti a Norris e Alonso. L’ordine d’arrivo

Sainz è sesto. Sfortunato Leclec che finisce a muro per un problema idraulico nel giro di formazione ed è costretto al ritiro

5 novembre 2023
Max Verstappen con la Red Bull in pista a Interlagos (Ansa)

epa10958531 Dutch rider Max Verstappen of Red Bull Racing in action during the Sprint Shootout at the Interlagos circuit in Sao Paulo, Brazil, 04 November 2023. The Formula 1 Grand Prix of Sao Paulo is held on 05 November. EPA/Sebastiao Moreira

San Paolo, 5 novembre 2023 – È sempre Max Verstappen. È sempre dominio Red Bull. Il copione del mondiale di F1 non cambia nemmeno al Gp del Brasile. L’olandese non fa sconti e, dopo pole e Sprint Race, si prende anche la gara mettendo a referto il suo 17° successo su 20 gran premi. Sul podio a Interlagos salgono anche Lando Norris su McLaren e Fernando Alonso. Quarto Sergio Perez, protagonista di un appassionante duello nei giri finali proprio con lo spagnolo dell’Aston Martin per il terzo posto (alla bandiera a scacchi la differenza è di appena 53 millesimi). Quinto Lance Stroll sull’altra Aston Martin, sesta la Ferrari di Carlos Sainz seguita dall'Alpine di Pierre Gasly e soprattutto dalla Mercedes di Lewis Hamilton, solo ottavo, posizione favorevole per le rosse in ottica Mondiale costruttori.

Classifiche: piloti – costruttori

Approfondisci:

Gp Brasile F1, le pagelle di Leo Turrini: 10 e lode ad Alonso. Leclerc non giudicabile: povero Carletto

Gp Brasile F1, le pagelle di Leo Turrini: 10 e lode ad Alonso. Leclerc non giudicabile: povero Carletto
Leclerc a muro nel giro di formazione al Gp del Brasile (Ansa)
Leclerc a muro nel giro di formazione al Gp del Brasile (Ansa)

Delusione per Charles Leclerc, andato a muro nel giro di formazione per un guasto al sistema idraulico della sua monoposto. Irreparabili i danni all'ala anteriore e alle sospensioni per consentirgli di partecipare alla gara. Così al monegasco non è restato che rientrare ai box, commentando con i suoi meccanici in radio “perché sono così sfortunato”.

Compreso quello di Leclerc sono stati comunque ben sei i ritiri per problemi di affidabilità, a cui si aggiunge l’incidente a inizio gara tra Magnussen e Albon.

L’ordine d’arrivo

1. Max Verstappen (Ned) Red Bull alla velocità media di 157.109 Km/h in 1:56:48.894

2. Lando Norris (Gbr) McLaren a 8"277 (giro veloce in 1:12.486)

3. Fernando Alonso (Esp) Aston Martin a 34"155

4. Sergio Perez (Mex) Red Bull a 34"208

5. Lance Stroll (Can) Aston Martin a 40"845

6. Carlos Sainz (Esp) Ferrari a 50"188

7. Pierre Gasly (Fra) Alpine a 56"093

8. Lewis Hamilton (Gbr) Mercedes a 62"859

9. Yuki Tsunoda (Jpn) Alphatauri a 69"880

10. Esteban Ocon (Fra) Alpine a + 1 giro

11. Logan Sargeant (Usa) Williams a + 1 giro

12. Nico Hulkenberg (Ger) Haas a + 1 giro

13. Daniel Ricciardo (Aus) Alphatauri a + 1 giro

14. Oscar Piastri (Aus) McLaren a + 2 giro

Non arrivati: Charles Leclerc (Mon) Ferrari, Alexander Albon (Tha) Williams, Kevin Magnussen (Den) Haas, Zhou Guanyu (Chi) Alfa Romeo, Valtteri Bottas (Fin) Alfa Romeo, George Russell (Gbr) Mercedes

Rivivi la diretta

Continua a leggere tutte le notizie di sport su