Atletica: le gare indoor ad Ancona. Brini e Conti sul podio agli italiani. Ricciardi si difende nei 3.000

A Modena la Palmonari si aggiudica all’esordio i 5.000 metri nella marcia. Bene anche Folli e Mele.

23 febbraio 2024
Brini e Conti sul podio agli italiani. Ricciardi si difende nei 3.000

L’imolese Francesco Conti, con il numero 41, ha vinto la medaglia di bronzo negli 800 metri in 1’49“89: per lui l’ennesima conferma del suo valore

I campionati italiani assoluti indoor vedono due atleti della Sacmi Avis tornare sul podio al PalaCasali ad Ancona nello scorso fine settimana. Michele Brini sale sul secondo gradino del podio nell’eptathlon con 5.277 punti, Francesco Conti vince la medaglia di bronzo negli 800 metri in 1’49“89. La prova migliore tra le sette di Brini sono i 60 hs, dove è primo con il tempo di 8“37, migliore crono tra i multiplisti in gara che gli porta quasi 900 punti. Nel peso con la misura di 13,03 metri cede solo a Lorenzo Modugno, che vincerà poi il titolo. Torna sul podio della rassegna tricolore anche il mezzofondista imolese Francesco Conti, allenato da Vittorio Ercolani. Dopo essersi ben posizionato fin dai primi metri, con una condotta di gara decisa in volata è terzo dietro al vincitore Francesco Pernici (Fiamme Gialle, 1’49“15) e a un soffio da Tommaso Maniscalco (Studentesca Rieti Andrea Milardi 1’49“70).

In gara anche Luis Matteo Ricciardi sui 3.000, che in 8’16“75 giunge decimo in una competizione di ottimo livello, vinta da Federico Riva in 7’57“89.

L’Atletica Imola Sacmi Avis è nona nella classifica delle società. A Modena per l’Atletica Lugo, Beatrice Palmonari vince la gara dei 5mila metri tra le allieve. All’esordio la marciatrice imolese allenata da Augusto Conti e Patrice Terranova scende subito sotto i 25’, chiudendo in 24’49“58. Nella stessa categoria la sua compagna Aida Folli, anche lei con la canotta dell’Atletica Lugo, chiude al quinto posto in 34’27“66.

Sui 5000 metri il cadetto Alessandro Mele che termina la gara in 29’18“48 e si classifica in quinta posizione. Tra le cadette, che percorrono 3mila metri, Francesca Grazioso chiude in 17’12“00, Emma Gallina ferma il cronometro a 19’09“42 incalzata dalla compagna di squadra Francesca Morgano, che si migliora di quasi un minuto con il tempo di 19’09“46.

Nella categoria ragazze (2mila metri), Eleonora Morsiani progredisce di oltre mezzo minuto, chiudendo con il tempo di 13’24“87, primato personale abbassato anche per Matilde Ghiselli, anche per lei oltre mezzo minuto guadagnato con il nuovo crono di 13’41“24.

A Parma, nei 600 metri, Achille Beccari (1’42’’45) e Margherita Castagnari (1’44’’51) volano sul gradino più alto del podio tra i Ragazzi e le Ragazze. La giovane compete anche nel salto in lungo, dove si migliora di oltre mezzo metro atterrando a 3,99 metri.

Nella categoria cadetti e cadette, Emma Castagnari si migliora sui 1.000 metri, dove vince la serie e giunge nel complesso quarta con il crono di 3’26“70. Nell’asta, Caterina Gozzi vince con il nuovo personale non commettendo nemmeno un nullo. Flavio Cincinnati è primo con il nuovo record personale di 2,80 metri.

Bene, infine, anche Angelo Amarù, quarto con la misura di 2,30.

Mirko Melandri

Continua a leggere tutte le notizie di sport su