Ippica Ecco la Gran Corsa Siepi di Pisa

Una prova ostacolistica "classica" ormai giunta alla sua quarantesima edizione. Sono sette le gare in programma

21 gennaio 2024
Ippica Ecco la Gran Corsa Siepi di Pisa
Ippica Ecco la Gran Corsa Siepi di Pisa

Si celebra oggi il rito della Gran Corsa Siepi di Pisa, prova ostacolistica di Gruppo III giunta alla 40ma edizione. Istituita nel 1968, vinse Doretto. La corsa ebbe un’interruzione dal 1978 al 1996 riprendendo con il successo di Killbay. Nell’edizione di oggi c’è un nome che emerge ed è quello di Mauricius, il cavallo che ha vinto le due due volte. Infine, una curiosità per i giovani appassionati. All’epoca, cioè nelle prime dodici edizioni della corsa, non esisteva a San Rossore un percorso ostacolistico ad hoc e i cavalli percorrevano lo stesso tracciato della corse in piano lungo il quale erano disposte le siepi mobili. A corredo di questa prova vi sarà la 29ma Corsa Siepi dei 4 anni, una Listed. Il premio “Chivas Regal”, dedicato al cavallo della Razza Vallelunga che vinse nel 1974 il Gran Premio Lotteria di Merano, completerà in steeple chase il programma ostacolistico.

Anche le prove catturano l’interesse. Due corse rappresentano parte della storia dell’ippica pisana e nazionale: premio “Roberto Bottanelli” e premio “Golden Cavern”, uno sportivo e un cavallo. Roberto Bottanelli, prematuramente scomparso, fu un gentleman di tutto rispetto, capace di vincere 282 corse fino a quando una malattia invalidante lo tolse anzitempo dalle piste. La sua scuderia – la Concarena - era da molti anni protagonista nel panorama nazionale con il padre Sebastiano, avendo anche vinto un Derby (Welnor 1984, trainer Gaetano Benetti, fantino Lester Piggot) e una Gran Corsa Siepi di Roma (Bon Marin 1990, trainer Claudio Guadagnino, fantino Carlo Mirandola). La condizionata di oggi sulla distanza dei 1500 metri vede otto femmine a confronto con Deadline, la più vecchia ma anche la più esperta, ha ruolo di cavalla da battere ma non avrà vita facile perché gli anni passano per tutti. Un’altra corsa che merita attenzione è il premio “Golden Cavern”. Il cavallo fu il vincitore del premio Pisa del 2000 con la monta inspirata di Palmerio Agus. Da quando il cavallo ha concluso la sua carriera agonistica la famiglia Filì mette in palio ogni anno, oltre a una coppa, anche un trofeo challenge che non è stato ancora assegnato, così come non è stato assegnato il trofeo challenge relativo al premio “Roberto Bottanelli”. Nel premio “Gold Cavern”, maiden sui 1500 metri, si ipotizza un duello fra Ottanese e Siray ma altre soluzioni, fra cavalli che ancora devono vincere la loro prima corsa, non si possono escludere.

Sette corse in programma, si inizia alle 13,30; questi i nostri favoriti. I corsa - Fed Back, Choeur Caivelliere; II - Light Blu, American Fighter, Irrequieta; III - First Polar, Apex; IV - Ottanese, Siray, Cheeky Blimey; V - Mauricius, Volkov Jelois, Pope; VI - Deadline, Mia Sioux, Beautiful Cindy; VII - Bagliore, Mr Bisso, Half July.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su